È morto Fernando Aiuti, non si esclude il suicidio: la procura di Roma apre un’indagine

mercoledì 9 gennaio 15:13 - di Ginevra Sorrentino

È morto a Roma l’immunologo Fernando Aiuti. Il professore, noto ricercatore e fondatore dell’Anlaids (Associazione Nazionale per la lotta contro l’Aids), protagonista oltre che sul campo della ricerca medica, anche sul fronte della battaglia contro i pregiudizi che hanno a lungo accompagnato fobie e tabù sulla malattia, specie all’indomani delle prime diagnosi.  Tutti ricordano, a tal proposito, la foto che nel 1991 fece il giro del mondo: quella che immortalava il bacio tra una donna sieropositiva, Rosaria Iardino, e il ricercatore, impegnato contro l’emarginazione dei malati di Aids, che una conoscenza ancora approssimativa sull’Hiv poteva provocare; uno scatto con cui Aiuti voleva dimostrare che il virus non poteva trasmettersi per via orale. Una missione, la sua, che dalla ricerca scientifica alla medicina, passando per le campagne sociali, lo ha visto impegnato su più fronti, compreso quello politico, quando nel 2008 venne eletto come capolista del Pdl in Campidoglio, con Gianni Alemanno sindaco.

È morto Fernando Aiuti: la procura di Roma indaga per suicidio

Aiuti è morto questa mattina al policlinico Gemelli, ma sulle cause del decesso si affastellano al momento diverse ipotesi: l’ospedale parla di incidente mortale a seguito di una violenta caduta dalle scale; mentre sulla morte del professore secondo quanto riferito in queste ore da diversi siti, sta facendo accertamenti la procura di Roma, con la pm Laura Condemi impegnata in un sopralluogo in ospedale per chiarire le voci di un presunto suicidio del professore che era ricoverato al Policlinico Gemelli, dove aveva lavorato fino al 20 dicembre, e presso il quale era in cura perché malato da tempo. Dunque sulla dinamica della morte sono in corso le indagini del caso, indispensabili per poter confermare o smentire quanto ipotizzato sul web: che il professore Aiuti si sia lanciato da una finestra al quarto piano dell’ospedale.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza