Don Saverio, parroco col vizietto delle prostitute, gestiva la vendita delle romene

lunedì 14 gennaio 17:16 - di Monica Pucci

C’è anche un sacerdote, parroco a Monteparano, tra le 13 persone arrestate da agenti della Squadra Mobile della Questura di Taranto, in collaborazione con i colleghi di Lodi e Vibo Valentia, nell’ambito di una operazione contro lo sfruttamento della prostituzione. Si chiama don Saverio Calabrese. L’operazione, denominata ‘Madame’, è stata coordinata dal sostituto procuratore Antonella de Luca. I tredici destinatari delle ordinanze restrittive (8 in carcere e 5 ai domiciliari, come nel caso del sacerdote) devono rispondere, a vario titolo, di associazione a delinquere, sfruttamento e favoreggiamento, agevolazione della prostituzione ed estorsione.

L’indagine, condotta anche mediante il ricorso ad intercettazioni, ha portato alla luce un sodalizio di ampiezza transnazionale reso ancor più stabile e solido dai rapporti di parentela esistenti tra alcuni dei sodali (tutti di nazionalità rumena), dedito allo sfruttamento della prostituzione ai danni di alcune giovani ragazze prevalentemente provenienti dall’Est Europa, che venivano ‘collocate’ per strada, indotte alla prostituzione, e sottoposte a ‘protezione’ dietro il pagamento di somme di denaro. La vicenda ha preso le mosse dagli esiti di un controllo della Questura di Taranto nell’agosto 2017.

In quella occasione lungo la Via Alberto Sordi a Taranto, già strada provinciale 105, si è accertato come alcune delle donne si vendevano sotto il controllo di una 30enne rumena, a sua volta prostituta, stabilmente radicata in terra jonica (nel Comune di Faggiano), nonché ‘testa di ponte’ sul territorio. Sottoposte al controllo della donna, supportata da altri quattro uomini (anche loro di origine rumena, ma in posizione superiore rispetto alla stessa, tutti destinatari del provvedimento di cattura), le giovani corrispondevano settimanalmente somme di denaro (circa 400 euro) quale corrispettivo non solo della locazione del ‘posto letto’ loro offerto all’interno dell’abitazione della maitresse, ma anche per poter esercitare la prostituzione nei luoghi assegnati senza correre rischi e senza alcuna ripercussione.

Oltre a coordinare e organizzare la prostituzione delle giovani ragazze, assegnando loro i posti da occupare, l’indagata provvedeva a creare rapporti con persone impiegate come autisti per raggiungere il posto di lavoro, risolvendo le controversie che potevano insorgere non solo tra le sue stesse ‘ospiti’, ma anche tra queste e altre
concorrenti. L’organizzazione era ramificata nei territori di Taranto e San-Giorgio Jonico e in quelli di Foggia, Melegnano (Milano) e Mornico al Serio (Bergamo). I reati contestati si riferiscono a un periodo compreso tra l’agosto 2017 ed il settembre 2018. Per garantirsi il ‘controllo’ di almeno una delle ragazze, oppure costringerla a consegnare danaro ed a prostituirsi, ne venivano trattenuti i documenti di riconoscimento, minacciandola pure di
spedizioni punitive nel caso non avesse adempiuto. Al momento dei fatti, due dei componenti dell’organizzazione in posizione superiore rispetto agli altri risultavano detenuti in Francia, nel carcere di Lyon Corbas, per gravi
reati contro la persona (fra cui anche quello di tratta di esseri umani ed associazione a delinquere).

Dall’interno delle mura del carcere in cui erano detenuti, i due proseguivano tuttavia nel compimento delle condotte illecite, gestendo a distanza (via internet) l’attività di meretricio delle giovani donne (di cui ricevevano parte dei ricavi). L’analisi di alcuni video postati su profili Facebook a loro riconducibili, dalla cui visione si comprendeva chiaramente che nel corso delle registrazioni si trovavano entrambi all’interno di una stanza dalle caratteristiche di una cella carceraria, ha accertato come avessero la disponibilità di apparecchi cellulari, per eseguire i collegamenti via web.

I rimanenti indagati, tutti italiani e residenti a Taranto, San Giorgio Jonico e Monteparano, la maggior parte dei quali destinatari invece della misura cautelare degli arresti domiciliari,  rispondono esclusivamente di favoreggiamento ed agevolazione della prostituzione, essendosi prestati in  maniera continuativa e stabile a fornire
assistenza alle prostitute, oppure piena disponibilità nei confronti dell’unica donna componente il suddetto sodalizio criminale, e di riflesso anche nei confronti delle ragazze da quest’ultima gestite. Soltanto uno degli arrestati, peraltro destinatario della misura della custodia cautelare in carcere, risponde per essersi organizzato con la locazione di vari immobili, in Via Crispi, peraltro in pessime condizioni di manutenzione, che provvedeva ad affittare a prezzi esorbitanti a prostitute e transessuali dediti alla prostituzione chelui stesso reperiva attraverso un lavoro di ricerca effettuato su siti internet dedicati. I tre immobili individuati (ancora oggi occupati da persone dedite a meretricio), oggi sono stati sequestrati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Antonio 16 gennaio 2019

    ECCO questo fatto è come i preti Francesi Pascal Thullier & Cardinale Vingt Trois e Curia Parigina che hanno plagiato mia zia marchesa Yolande d’Argenge per impossessarsi dei suoi beni MLN di euro,io UNICO nipote (DOCUMENTABILE) sono stato accusato di essere un mitomane,la rai 1 mi ha interpellato ma vuole che io prenda un avvocato e un notaio per potere fare valere le mie ragioni,è pallese la “CODARDIA” quando si parla di andare contro certi personaggi,

  • In evidenza

    contatore di accessi