Castelnuovo, lo show della compagna Muroni: blocca il pullman di migranti. Boldrini la benedice (video)

mercoledì 23 gennaio 13:27 - di Federica Parbuoni

La sinistra italiana ha la sua eroina di giornata. È la deputata di Leu, Rossella Muroni, balzata agli onori dei social e delle cronache per essersi messa davanti a uno dei pullman di migranti in uscita dal Cara di Castelnuovo di Porto, al grido di «restiamo umani». La stessa Muroni ha postato sul suo account Twitter la foto che la ritrae in piedi, senza nessuno intorno, praticamente in posa, davanti al pullman, con le mani appoggiate al paraurti. «Bambini, donne, uomini, vogliamo solo sapere dove vanno e che condizioni troveranno. Restiamo umani per favore», ha scritto Muroni, guadagnandosi l’applauso di qualche attivista presente sul luogo e i commenti entusiasti di chi ha salutato il gesto come un atto di coraggio commovente, tra i quali non poteva mancare quello di Laura Boldrini, che ha tuonato «basta con la disumanità al potere!».

Lo show di Castelnuovo

In realtà, a guardare le immagini del filmato e soprattutto quella foto postata su Twitter non si ha l’impressione che Muroni abbia dovuto sfidare orde di poliziotti incattiviti da quello che lei definisce «il ministro della Paura Salvini», mandante di un «attacco al Cara» e di «una vera e propria deportazione» dei suoi ospiti. Parole più barricadere di quanto poi si sia rivelata l’impresa in loco, che in fin dei conti risulta più simile a uno show a favore di camere che a un atto rivoluzionario, seppur simbolico. Ma tant’è. Per una sinistra che, quando ne ha avuto la possibilità, non ha saputo governare il drammatico fenomeno dei migranti né gestire la difficile partita dell’accoglienza tanto basta: anche per oggi da quelle parti è sorta una nuova, umanissima eroina di giornata.

Video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giovanni Marchetta 24 gennaio 2019

    Ha trovato nell’autista del pullman un sant’uomo. Fossi stato io alla guida avrei fatto finta di non vederla. peggio per lei che si è messa davanti, questa sottospecie di ministra con spirito di protagonismo

  • In evidenza