Cannabis, in Parlamento si prepara una maggioranza “tossica” con sinistra e M5S?

venerdì 11 gennaio 18:53 - di Ezio Miles

È la proposta di legalizzazione della Cannabis a creare uuna nuova linea di frattura tra La Lega e il M5S. Salvini ha stroncato la propsosta di legalizzazione avanzata da un senatore M5S e di cui si parla da diversi giorni.”Non passerà mai e non è nel contratto di governo”. Così afferma il vice premier  a margine dell’inaugurazione di una nuova sede dell’Ugl, a Milano, . “Se dobbiamo sconfiggere davvero la criminalità togliamo dalle strade la prostituzione a cielo aperto, come fanno in altri Paesi”.

Una “strana” proposta di legge

Ma è proprio sicuro, Salvini, che una simile legge non passaerà mai? In realtà, una maggiranza favorevole  alla Cannabis esiste, ancorché solo sulla carta,  in Parlamento.  Se infatti sommiamo i voti del M5S, del Pd e delle varie frattaglie di sinistra presenti alla Camera e in Senato,  una maggioranza possibile per approvare una legge di  legalizzazione della droga esiste, eccome se esiste. A ricordarlo è,  in un perfido post su facebook, Riccardo Magi, deputato radicale di +Europa. “Salvini dice che la legalizzazione della cannabis non passerà mai perché non è nel contratto di governo? Si consenta piuttosto al Parlamento di discuterne a partire dalla proposta di legge popolare sottoscritta da 67 mila cittadini, che giace dal 2016 nel cassetto del presidente Fico. Se si avviasse l’esame senza ‘vincolo di mandato’, emergerebbe una maggioranza di deputati e senatori favorevoli alla legalizzazione della cannabis, si tratta di non continuare a evitare la discussione come è stato fatto finora in spregio alla Costituzione e alla volontà dei cittadini”.  Certo, per verificarsi un simile ipotesi, dovrebbe accadere che tutto il M5S voti compatto per la legalizzazione della Cannabis. Intanto però le premesse per una maggioranza “tossica” (e non si sa mai, con i tempi che corrono) è stata creata, Ed è stata creata proprio  con quella strana (ma fino a un certo punto) proposta di legge di un parlamentare pentastellato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro Garlaschelli 12 gennaio 2019

    …cagasotto del SdI…nn ci sarà mai una maggioranza “tossica”… perché alcuni del M5S e diversi di pdiarree …Padri di Famiglia…sono contrari allo spaccio…

  • Marinella 12 gennaio 2019

    Mi chiedo se è proprio necessario discutere su un argomento come la cannabis,a meno che si voglia coprire il fatto che il 50%dei parlamentari si drogano . Dovrebbe invece essere messo come legge l’esame del capello tutti gli anni per i nostri rappresentanti politici e se sono positivi; dovrebbero essere mandati a casa senza ne buouscita ne pensione, tanto meno vitalizi di nessun genere. Questo sarebbe un governo credibile è veramente serio .

  • Sergio BEGGIO 12 gennaio 2019

    Legalizzazione della Cannabis va bene, per il benessere e per le malattie che si può curare con questo prodotto naturale.

  • In evidenza

    contatore di accessi