Campobasso, le immagini choc fuori dal carcere: pistola puntata alla testa del detenuto (video)

giovedì 31 gennaio 19:21 - di Redazione

Un detenuto del carcere di Campobasso ieri ha provato a evadere al rientro da una visita medica fatta in ospedale. Ma una volta raggiunto dagli agenti della Polizia penitenziaria l’uomo, disarmato, non ha opposto resistenza. Tuttavia, uno dei tre agenti ha estratto la pistola e dopo averla caricata l’ha puntata alla testa del detenuto prendendolo anche a calci nonostante i due colleghi cercassero di calmarlo. Le immagini choc sono state immortalate in un video e diffuse sui social scatenando l’ira del capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentin che ha annunciato l’avvio degli accertamenti necessari per un’azione disciplinare nei confronti del poliziotto coinvolto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gianfranco 1 febbraio 2019

    Sono quasi sempre d’accordo con voi.Nel caso dell’agente della polizia carceraria avrei – però – accennato anche a tutto quanto gli agenti sono sottoposti, dai detenuti. Pugni, schiaffi, sputi e anche morsi. Se uno di loro, alla fine, esagera, ha tutta la mia solidarietà. A proposito, hanno diritto all’antirabbica? Considerando quanto i magistrati siano di “manica larga”, non credo che il detenuto fosse dentro per divieto di sosta. Concludo puntualizzando che l’agente avrà “armato” la pistola, certo non caricandola (inserendo il caricatore).
    Cordialmente,
    Gianfranco

  • Piero 1 febbraio 2019

    Non mi sento di criticare il poliziotto . E’ ora di finirla col buonismo, forse la prossima volta che avrà voglia di evadere ci penserà un po’ di più. Cosa avrebbero subito le guardie se fosse fuggito?