Anche gli elettori grillini scaricano Virginia Raggi: 1 su 2 non è contento della sua giunta

sabato 12 gennaio 14:45 - di Federica Parbuoni

Anche gli elettori grillini scaricano Virginia Raggi: solo il 50% dei sostenitori del movimento dà al sindaco un voto compreso tra il 7 e il 10. Un dato che scende ulteriormente se si prende in considerazione chi ha votato il M5S alle politiche di marzo. In questo caso i giudizi positivi si fermano al 39%, mentre se si valuta il dato medio nazionale la percentuale crolla al 16%. Una situazione non dissimile da quella di Torino, dove la giunta Appendino è promossa dal 52% degli elettori attuali del M5S e appena dal 43% di quelli delle politiche. Le due città capofila dell’amministrazione grillina, insomma, si connotano come la cartina di tornasole del crollo di consensi del Movimento a livello nazionale.

La disillusione degli elettori M5S

A scattare la fotografia è stato un sondaggio Swg commissionato da Il Messaggero, che per vocazione territoriale si è concentrato in particolare su Roma. Dall’indagine emerge la conferma del logoramento della fiducia verso il M5S, tanto a livello territoriale quanto a livello nazionale. «C’è un evidente infragilimento del consenso nazionale verso i 5Stelle. In questo quadro il giudizio sul governo pentastellato delle grandi città, solo la metà degli attuali elettori M5S ne è soddisfatto, è la punta di diamante di una crisi di consenso», ha spiegato al quotidiano romano il direttore della Swg, Enzo Risso, facendo riferimento alle giunte di Virginia Raggi e Chiara Appendino. «La prova di governo amministrativo sta provocando disillusione», ha aggiunto Risso.

Il Movimento perde la fiducia di oltre 4 milioni di elettori

«In sostanza, rispetto alla grande espansione registrata il 4 marzo, oggi si evidenzia l’esistenza di una fascia di elettorato grillino che mostra una crisi di fiducia», ha chiarito ancora il direttore della Swg, i cui analisti hanno rivolto al campione intervistato anche una domanda specifica sul governo. Fra l’elettorato italiano generico solo il 28,5% si dice «molto o abbastanza soddisfatto» dei ministri pentastellati, mentre il 60,8% è «poco o per niente» contento. Ma Swg ha rivolto la stessa domanda anche a chi, il 4 marzo, ha votato M5S: i «molto o abbastanza contenti» ormai sono il 57,7% ovvero in meno di un anno il Movimento ha deluso le aspettative del 42,3% dei propri elettori. «Questo significa che oltre 4 milioni di elettori che scelsero i grillini oggi sono in bilico», ha chiosato Il Messaggero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza