“Amnistia per Cesare Battisti”. I comunisti di Foggia imbrattano la targa dedicata al “patriota”

mercoledì 16 gennaio 19:33 - di Lucio Meo

Il sindaco di Foggia Franco Landella ha dato mandato al comandante della Polizia Locale “di operare tutti gli accertamenti utili” a risalire ai responsabili dell’atto vandalico che ha riguardato la targa della piazza intitolata a Cesare Battisti, l’eroe irredentista trentino morto durante la prima guerra mondiale. Ignoti hanno cancellato con uno spray la scritta “Piazza” e l’hanno ricoperta sempre con lo spray con la scritta “amnistia per…” lasciando visibile l’incisione C. Battisti in riferimento, evidentemente al militante dei “Proletari armati per il comunismo”, omonimo del primo, condannato all’ergastolo per alcuni omicidi degli “Anni di piombo” e catturato in Bolivia qualche giorno fa.

«A titolo personale ed istituzionale, nella certezza di rappresentare il comune sentire dell’intera città di Foggia – scrive Landella – esprimo il mio sdegno e la mia condanna per l’atto vandalico con cui è stata imbrattata la targa di piazza Cesare Battisti. Un gesto idiota, compiuto da qualche nostalgico della violenza politica legata all’estremismo comunista. Naturalmente abbiamo provveduto immediatamente a ripulire la targa con la quale la piazza del nostro Teatro Umberto Giordano è intitolata ad un eroe nazionale, tra i più importanti ed autorevoli protagonisti dell’irredentismo italiano. Gli autori di questa sfolgorante dimostrazione di stupidità, evidentemente, ignorano tanto i valori democratici quanto il rispetto del bene pubblico, oltre a mostrare – conclude Landella – la più completa assenza di rispetto per le vittime del terrorista assicurato recentemente alla giustizia italiana con grande soddisfazione mia e ditutti gli italiani perbene».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 16 gennaio 2019

    Amnistia? Buttate le chiavi al centro del triangolo delle Bermuda

  • In evidenza