Al Bano non è “Adrian” e vince. Affondo di Sgarbi contro Celentano: «È morto nel ’70»

giovedì 24 gennaio 14:03 - di Roberto Mariotti

Alla fine ha vinto lui, Al Bano. Quasi in silenzio – il suo programma non ha avuto la pubblicità invadente di Adrian -con un varietà classico, ricco di canzoni e ospiti ha restituito a Canale 5 il primo posto negli ascolti. 55 passi nel sole ha conquistato la prima serata di ieri grazie a 3.368.000 telespettatori e uno share del 18,31%. Rai1 con la docufiction Figli del destino, trasmessa in occasione della Giornata della memoria, ha ottenuto 2.969.000 telespettatori e uno share del 12,39%. terzo gradino del podio per Rai3 dove Chi l’ha visto? ha totalizzato 2.199.000 telespettatori e il 10,07%. Una vera e propria rivincita, dopo il crollo di Celentano. Momenti di commozione, rivisitazione degli anni ’80, personaggi popolari (Ricchi e Poveri, Toto Cutugno, Pupo), classici come L’italiano e Solo noi, artisti che ora vanno alla grande (Fabrizio Moro, tanto per citare un esempio). Ma soprattutto nessuna pretesa di filosofeggiare. Gli ingredienti per il successo di pubblico c’erano tutti. E successo è stato.

Vince Al Bano, Sgarbi ironizza su Celentano

È arrivato anche l’affondo di Vittorio Sgarbi contro Adriano Celentano: «Ha fatto flop su Mediaset? Mi era simpatico, ma è ancora vivo? No, non è vivo», dice il critico d’arte ai microfoni di Rai Radio2, nel corso del format I Lunatici, commentando gli ascolti al di sotto delle attese di Adrian, il cartoon del Molleggiato. «Canta da morto, in playback – continua -. Non era lui, vi sbagliate, voi siete troppo giovani, ma Celentano è morto da un pezzo, è morto nel 1970, ora – ironizza Sgarbi – c’è un robot che va in giro a suo nome». Il critico d’arte torna anche a parlare del video delle ragazze soccorse in autostrada a Taranto: «Non c’era nullo di eroico – sottolinea, è stato divertente vedere vagare queste ragazze di Taranto vicino all’Eni perché avevano finito la benzina». Poi aggiunge: «Non ci credevano che ero Sgarbi, hanno dovuto controllare su Google».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 24 gennaio 2019

    Povero Celentano, bravo cantante ma …
    Ritirati in buon ordine và

  • In evidenza

    contatore di accessi