Torino, nigeriano morde un poliziotto. Gli agenti che lo bloccano sono «fascisti di merda» (video)

venerdì 21 Dicembre 18:09 - di Viola Longo

Momenti di tensione alla stazione Porta Nuova di Torino, dove un nigeriano di 26 anni si è rifiutato di fornire le generalità nel corso di un normale controllo della polizia. Lo straniero ha dato in escandescenza e, nel tentativo di scappare, ha aggredito gli agenti, mordendone anche uno alla gamba. Per bloccarlo sono stati necessari rinforzi, forniti dalla Polfer, da altri poliziotti sopraggiunti in seguito e dai militari dell’esercito in servizio in stazione. Alla fine il nigeriano è stato atterrato a fatica, con cinque uomini che a stento riuscivano a tenerlo fermo.

Lo sfogo del poliziotto

La parte finale del parapiglia, quella in cui si vede lo straniero atterrato da diversi uomini delle forze dell’ordine, è stata ripresa da una passante e poi postata sulla pagina facebook del centro sociale Gabrio. Il post di accompagnamento, neanche a dirlo, è un atto d’accusa nei confronti degli agenti, ai quali viene imputato «un uso illegittimo e ingiustificato della forza» e viene rinfacciato sia di essere stati «innervositi da coloro che riprendevano la scena» sia di aver replicato a chi in quel momento li accusava di usare metodi inappropriati. «A noi non ci pensate? A noi non ci pensa nessuno?», ha chiesto un agente a una signora che lamentava maniere troppo brusche per lo straniero. Uno sfogo da parte della polizia che, secondo quelli del Gabrio, ha portato «l’intera vicenda sul piano malato, ma a cui ormai siamo tutti ben abituati, del “o loro o noi”».

Il tentativo di criminalizzare gli agenti

In realtà, anche quello che gli astanti indignati – pochi per la verità – pensano degli agenti in servizio emerge chiaramente dal video. «Deve essere un fascista di merda. Sono tutti fascisti, ma questo in particolare», dice una voce maschile alla donna che sta facendo il video. È evidente che il filmato è stato prima girato e poi postato con l’intenzione di criminalizzare gli agenti. Invece ha provocato l’effetto opposto: moltissimi dei commenti scritti sotto il video che avrebbe dovuto essere incriminante sono stati di solidarietà agli agenti e di condanna per il comportamento violento del nigeriano, che è stato poi arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Video

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • AGOSTINO GAETA 23 Dicembre 2018

    Secondo me hanno fatto bene. Questi criminali, perché tali sono, sono abituati a fare quello che vogliono e si sentono impuniti. Poi questa signorina che filma e commenta vorrei vederla da sola in stazione di notte a passare in mezzo a due o tre bestie. Questi santi uomini di sinistra si accorgono della delinquenza importata solo quando capita a loro di pagarne le conseguenze.

  • Sevix 22 Dicembre 2018

    Complimenti agli agenti x il lavoro che fanno

  • Adelio Bevagna 22 Dicembre 2018

    Alla zecca rossa che riprendeva gli andava fatto mangiare il cellulare.