Storia, quando Putin era una spia: il suo tesserino riemerge dagli archivi della Stasi

martedì 11 Dicembre 18:07 - di redazione
Putin

Un documento di identità intestato al Maggiore Vladimir Putin, emesso il 31 dicembre del 1985, è stato ritrovato negli archivi della Stasi a Dresda, la città tedesco orientale dove l’attuale presidente russo aveva lavorato come agente del Kgb nella seconda metà degli anni Ottanta fino al 1990. A renderlo noto oggi il tabloid tedesco Bild.

Il documento, firmato da Putin, era poi stato rinnovato ogni tre mesi fino alla fine del 1989. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha subito precisato che era pratica normale, ai tempi sovietici, lo scambio di documenti di identità fra funzionari del Kgb e dei servizi di sicurezza della Ddr. «In tempi sovietici Kgb e Stasi erano partner e per questo non si può escludere che si siano scambiati documenti di identità e lasciapassare», ha affermato Peskov. Il direttore degli archivi della Stasi di Dresda, Konrad Velber, ha spiegato che Putin aveva, grazie al lasciapassare, libero accesso alla sede della Stasi senza dover informare nessuno che lavorava per il Kgb. Questo documento poteva rendere a Putin più semplice anche il reclutamento di agenti nella Ddr, attività di cui riferisce anche Bild.

La sede del Kgb al numero 4 di Angelika Strasse a Dresda era accanto a quella della Stasi e si narra che Putin avesse difeso, solo, senza istruzioni da Mosca, l’edificio la notte del 5 dicembre del 1989, quando migliaia di ragazzi cercarono di assalirlo. In quelle ore Putin avrebbe maturato il senso di impotenza e frustrazione che lo convinse della necessità di ricostruire la forza della Russia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • avv. alessandro ballicu 11 Dicembre 2018

    è comunque il più grande statista vivente.
    l’italia dovrebbe uscire dalla nato e dalla ue e stabilire una alleanza politica , economica e militare col paese più sano e conservatore del pianeta.grandi vantaggi economici per l’italia sarebbero immediati.
    la russia ha un’economia complementare alla nostra, il made in italy è molto noto e gradito in russia,potremo ottenere lo sconto sul gas etc etc

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )