Il fuorionda di Salvini: «Stammi attaccato alle chiappe, come la tasca dei pantaloni» (video)

venerdì 21 Dicembre 11:18 - di Romana Fabiani

«Quando si riesce a passare alle forze dell’ordine i beni tolti ai mafiosi io sono felice». Così Matteo Salvini, in diretta Facebook, da Montemurlo, in Toscana, durante la consegna ufficiale allo Stato di un alloggio confiscato alla camorra. «Dopo otto anni abbiamo messo fine a questa vicenda», spiega il vicepremier soddisfatto. Ma prima della cerimonia ufficiale, appena entrato nello stabile, Salvini si fa scappare una frase non proprio elegante all’indirizzo di un suo collaboratore, forse troppo distratto: «Tu mi devi stare attaccato alle chiappe come fossi la tasca dietro i pantaloni», dice sollecitandolo a seguirlo nelle riprese passo passo.

La diretta facebook di Salvini dalla Toscana

Se il ministro dell’Interno leghista non brilla per stile british è però decisamente attivo. «In Toscana sento aria di cambiamento che non si sentiva da 50 anni», dice ancora  da Montemurlo durante la consegna dello stabile confiscato alla criminalità organizzata. Poi sposta i riflettori sulla concorrenza illegale che pullula nella regione. «C’è un sistema di concorrenza illegale da andare a smantellare, capannone per capannone, non sono degni di un paese civile, mentre all’imprenditore italiano si controlla qualsiasi cosa, pure il numero di capelli. A Prato e provincia c’è chi fa concorrenza sleale agli italiani, c’è chi sfrutta i bambini che lavorano giorno e notte».

Immancabile una finestra sull’immigrazione. «Gli italiani mi hanno chiesto di fermare gli sbarchi ma anche di espellere chi non ha diritto di stare in Italia, quindi ogni regione deve fare la sua parte. La Toscana non può e non deve essere l’ultima ad avere un centro rimpatri per clandestini. Non lo chiede Salvini ma milioni di toscani».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro Collavini 27 Dicembre 2018

    Finalmente qualcuno che ricorda come, nella produzione, in alcune aree ci sia un trattamento diverso per i produttori italiani e per quelli con altre nazionalità. E sarebbe giusto denunciare tutti coloro che hanno permesso che questa ingiustizia venisse messa in pratica e continuasse negli anni. Pertanto signori giudici e magistrati vari mettetevi un po al lavoro, che dopo tanti anni di cecità dovreste mettervi a lavorare.

  • Angela 22 Dicembre 2018

    Salvini è un grande,sta facendo quello che il suo elettorato gli ha chiesto..
    e lo sta facendo bene !!!

  • teresiano 21 Dicembre 2018

    Non ti votiamo più, il tuo compagno ti ha rovinato. Forza FDI

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )