Siero della verità al posto delle torture: l’ultimo fantascientifico progetto della Cia

mercoledì 14 novembre 14:44 - di Carlo Marini

La Cia ha pensato di utilizzare il siero della verità negli interrogatori dopo gli attacchi dell’11 settembre. Il progetto, identificato come Project Medication, è stato accantonato dall’agenzia nel 2003. Le valutazioni della Cia sono contenute in un dossier che è stato declassificato ed è ora accessibile. A redigere il documento è stato un elemento di spicco del settore medico dell’organismo. Gli esperti dell’agenzia dopo l’11 settembre 2001 hanno valutato l’ipotesi di eseguire “interrogatori basati sui farmaci” in alternativa alle tecniche, come privazione del sonno o waterboarding, considerate alla stregua della tortura.

La Cia lavora al siero della verità da molti anni

Il report evidenzia che già nel 1961 la Cia era consapevole della potenziale inefficacia dei farmaci: i soggetti in grado di affrontare un interrogatorio in condizioni estreme avrebbero potuto gestire parzialmente la situazione anche con uno stato mentale alterato. Nonostante le informazioni disponibili da decenni, il Project Medication ha identificato un farmaco -il Versed- come strumento per indurre i soggetti interrogati a rispondere con sincerità alle domande. Il siero della verità, che nel mondo dei fumetti è stato reso celebre da Diabolik, è uno dei progetti più ambiti dai servizi segreti di tutto il mondo.

Project Medication: la svolta dopo l’11 settembre

Il siero della verità appartiene alla classe delle benzodiazepine, normalmente impiegate per trattare gli stati d’ansia. Il progetto della Cia si è arenato su uno scoglio ‘procedurale’: il Versed poteva essere somministrato esclusivamente per via endovenosa. Questo rendeva necessaria un parere del Dipartimento di Giustizia, con la probabile apertura di una più ampia e trasparente discussione, in un periodo in cui diverse strategiescelte nella lotta al terrorismo erano come minimo ‘borderline’. Il Project Medication, quindi, è stato accantonato. I metodi di interrogatorio che sono stati utilizzati sono stati comunque stigmatizzati in un documento del Senato. Le tecniche sono state ritenute “in violazione delle leggi, degli obblighi e dei valori” degli Stati Uniti. Nessun funzionario della Cia è stato perseguito.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 15 novembre 2018

    Scusate ma questo tipo di interrogazioni e sempre stato usato, la chimica e meglio che la mano di un umano.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica