Renzi ci riprova da Salsomaggiore, ma sono in quattro gatti. Pure Minniti lo snobba

sabato 10 novembre 16:32 - di Alessandra Danieli

«Tutto quello che contribuisce a difendere il riformismo è benvenuto». È uno dei passaggi dell’intervento di Matteo Renzi alla mini-Leopolda (che, secono un’inchiesta del Fatto quotidiano avrebbe allestito con il soldi del gruppo del Pd al Senato) di Salsomaggiore, dove ha raccolto poco più di “quattro amici al bar”.

Renzi a Salsomaggiore in quattro gatti

Non sarò un capocorrente, tiene a precisare l’ex premier: «Non farò il capo di nessuna area. Per me il partito è importante, ma è un mezzo non un fine. Non sono cresciuto con il sogno della “ditta” Quelli che sono cresciuti con sogno di una “ditta” hanno ritenuto prioritario, pur di riprendersi il partito, di perdere il Paese», dice Renzi attaccando i media che scrivoo che l’obiettivo dei renziani sarebbe quello di condizionare il nuovo segretario Pd. «Noi abbiamo ambizioni più grandi», dice. Ma a Salsomaggiore non è che il partito si sia precipitato, tra le sedie vuote si fa notare quella di Marco Minniti, presenti invece l’immancabile Maria Elena Boschi e Graziano Delrio. «Se la sinistra europea è Melenchon o se è rincorrere Corbyn, allora io non sono la sinistra europea», dice ancora Renzi, «Macron non è il nostro avversario ma il nostro principale alleato contro i populisti e i nazionalisti e lo voglio dire alle anime belle della sinistra: io tra Macron e Le Pen, non ho dubbi da che parte stare». Sul dibattito interno è durissimo, dimostrando un gran nervosismo: «Ci sono stati momenti di meschinità perché la parola gratitudine non appartiene alla politica ma abbiamo assistito a una gara a chi la sparava più grossa in termini di meschinità da parte di persone che parlavano del mio carattere, senza dire che senza il mio carattere non avrebbero avuto gli incarichi che hanno avuto».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • enrico 11 novembre 2018

    POVERETTO….

  • Gian Amedeo 10 novembre 2018

    L’unica colpa di Renzi è di essersi messo a capo del governo italiano senza essere eletto da nessuno. L’Italia non era la sua Firenze, quindi, governare Firenze non è come governare l’Italia. Il pensiero di Renzi è lontano dal popolo italiano: lui è pro banche ed immigrati, mentre gli italiani, quelli veri, sono di tutt’altro avviso!!!

  • matteo 10 novembre 2018

    PD = Partito Disastroso , Partito Disfattista , Partito Demenziale ecc. ecc.
    matteo . . . meglio per voi invertire il simbolo in DP : Dei Pochi .

  • Tiziana 10 novembre 2018

    A me è sembrato determinato per niente nervoso, son due cose diverse…..e comunque in due in tre o in quattro è sempre l unico leader sulla scena politica italiana…può piacere o no ma su questo non ci son dubbi …

  • 10 novembre 2018

    Ha ha ha sorry Mr. Want to be Kennedy!!

  • In evidenza

    contatore di accessi