Propaganda multietinca nei libri di scuola: ecco le frasi più spudorate

lunedì 5 novembre 18:19 - di Mariano Folgori

Così ti educo il pupo al “politicamente corretto” più fanatico. L’ultima frontiera della propaganda multietnica è rappresentata dai libri per la scuola media. E si tratta di propaganda spudorata

A segnalare l’esistenza di questi casi è stato il quotidiano La Verità, che ha fatto le pulci a diversi libri di testo annotando le frasi più eclatanti e sfacciate.   La tipologia di tale proso è più o meno questa: si deve procedere spediti verso una società “multietnica, multiculturale e multireligiosa”. Chi si dichiara contrariato, magari in maniera un po’ troppo convinta, viene etichettato dagli autori dei libri come promotore di una “cultura razzista, xenofoba e intollerante”.  Sul giornale diretto da Belpietro sono elencati alcuni titoli. C’è, per esempio, Le regole dello stare insieme, dove si arriva a leggere: “Non sono quindi sufficienti le misure a favore dell’ integrazione, ma devono essere adottati tutti i provvedimenti necessari per impedire qualsiasi manifestazione di razzismo e xenofobia, cioè di avversione verso gli stranieri e verso ciò che proviene dall’estero”. Che ne pensa il ministro (leghista) dell’Istruzione Marco Bussetti?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Forni 6 novembre 2018

    Lo stesso vale per le teorie Bender

  • Laura 52 6 novembre 2018

    Prima hanno modificato la storia per sdoganare il comunismo e tutte le varie ideologie di sinistra, ora devono trovare il modo di sdoganare tutti gli immigrati. Il problema è: se non scrivi queste cose, vieni giudicato “fascista” e non riesci a vendere. Di conseguenza non puoi mangiare e vivere

  • carla 6 novembre 2018

    Completamente d’accordo con Angela

  • Zulian Diana 6 novembre 2018

    Mi ricorda il film “L’uomo che visse nel futuro” (The Time Machine) è un film di fantascienza del 1960 diretto dal regista George Pal. Quelli che scrivono quei libri sono i Morloch del film. Se avete occasione guardate la versione del 1960. Alla fine i Morloch saranno sconfitti come questi imbroglioni della globalizzazione e del piattume sociale.

  • Anton 6 novembre 2018

    Purtroppo, il modello che si è imposto è quello dei vincitori della II Guerra Mondiale: il cosiddetto “stile di vita americano”. Sino a quando non si inizierà a mettere in discussione la società statunitense come ideale di civiltà e convivenza sarà impossibile fare argine a un indottrinamento iniziato più di settanta anni fa. Tutto ha contribuito a questa totale spersonalizzazione non solo del tipo italico, me europeo in generale (gli unici a resistere sembrano essere solo gli europei dell’Est, russi compresi: chissà per quanto ancora): scuola, sì certo, ma anche il mondo della sport, del cinema e della televisione, con il bombardamento a tappeto effettuato a base di sceneggiati americani… Ora, attenzione a non cascare nel tranello dello “spauracchio islamico”: l’invasione potrebbe portare anche milioni di stranieri cristiani, non cambierebbe nulla. L’annientamento sarebbe ugualmente garantito.

  • Angela 6 novembre 2018

    Ma perché non scrivono nei libri che è praticamente impossibile integrare musulmani e cristiani?che le lori visioni della vita sono completamente opposte?che per questi immigrati la donna vale meno di niente?che i figli nati dal matrimonio appartengono solo al padre?che questa gente odia gli animali?che riduce il genere femminile a schiavitù e servilismo?che la copre da capo a piedi mortificando la loro bellezza?che questa gente pensa che la loro religione è quella vera e che tutte le altre devono essere soppresse?che cercano di imporre il loro pensiero anche con la forza? Nei libri scrivessero la verità una volta per tutte!!!

    • damiano 6 novembre 2018

      Brava Angela condivido il tuo commento ma vorrei sperare che tantissime donne la pensassero come Te ne va del futuro dei nostri figli e nipoti e del nostro paese disastrato cordiali saluti

  • davide cogliati 6 novembre 2018

    CIO’ CHE NON VA BENE E’ CHE L’INTEGRAZIONE E’ IMPOSTA DAI COMUNISTI E DAI BUONISTI CHE PORTANO AL DEGRADFO DELLA SOCIETA’ NONCHE’ ALL’ESPANSIONE DELL’ISLAM IN EUROPA POICHE’ QUESTI IMMIGRATI SONO IN MAGGIORE PARTE ISLAMICI SENZA ALCUNA INTENZIONE DI RISPETTARE LE NOSTRI LEGGI E LE NOSTRE TRADIZIONI MA VOGLIONO COLONIZZARE GREADUALMENTE CON LE LORO CREANDO PRIMA DELLE ENCLAVI , POI PASSANDO AL RESTO. QUINDI E’ UN’IDEA SI INTEGRAZIONE FALSA E TENDENZIOSA DA COMBATTERE.

  • florio 6 novembre 2018

    Rimuovere i libri di testo oggetto di contestazione. Sono le famiglie che responsabilmente devono provvedere nel merito! Una class action collettiva contro il ministero responsabile di questo malsano indottrinamento a senso unico, con conseguente risarcimento!! Non sono di certo i soliti quattro venduti alle elite a decidere le sorti di questa società. Attenti perchè al tutto, c’è un limite, un profondo abisso impossibile da scavalcare! I testi scolastici non devono, ripeto non devono in alcun modo fuoriuscire dai binari leciti dell’insegnamento di base, come del resto è sempre stato sino a non molti anni addietro. L’orientamento culturale è prerogativa del singolo, che si instaura nelle varie fasi della crescita, famigliare,dei bisogni, del credo, e nei rapporti interpersonali ed associativi riferiti al contesto ambientale in cui vive. Nulla di più!
    L’indottrinamento, nella fattispecie istituzionale, e quindi per vari aspetti esercitato a senso unico in un ambiente scolastico, per mille aspetti, ovverosia coercitivo, impositivo, avrà a mio parere la fatale conseguenza di generare nel singolo, in particolare nella fase evolutiva, degli eterni conflitti, che rifletteranno negativamente nel prosieguo, dalle conseguenze più svariate, non ultimo la mancata accettazione della diversità altrui, con i risvolti che tutti bel conosciamo!

  • Sandy Caine 6 novembre 2018

    Non credevo di dover dare ragione ai sudisti , ma non avevano tutti i torti.

    • franco prestifilippo 6 novembre 2018

      Meno male che ti sei ravveduta! Dovresti approfondire un pò la storia del SUD!

  • marco bianchi 6 novembre 2018

    Non sappiamo neppure se esista davvero. Forse è un ministro ombra.Speriamo che prima o poi si materializzi.Dalle scuole alle università è un’orgia di politicamente corretto.Si stanno manipolando le menti dei ragazzini e dei giovani e non si fa nulla.

  • In evidenza

    contatore di accessi