Pistoia, paura al centro di accoglienza: nigeriano cerca di accoltellare profugo

mercoledì 21 novembre 11:05 - di Aldo Garcon

Nigeriano minaccia con un coltello un profugo e poi un operatore di un centro per immigrati in provincia di Pistoia: per questo un giovane richiedente asilo è stato arrestato per resistenza e minaccia aggravata. I carabinieri della stazione di Pracchia sono intervenuti presso il centro di accoglienza “Albergo Arcobaleno” di Sammommè, per un acceso diverbio avvenuto fra due ospiti della struttura. Un 21enne nigeriano, al culmine di un litigio con un altro ospite, un gambiano di 19 anni, ha afferrato un coltello prelevandolo dalla cucina della struttura e ha affrontato il rivale minacciando di colpirlo. Stessa minaccia è stata rivolta con il coltello spianato nei confronti di un operatore della cooperativa che gestisce il centro, un 29enne pistoiese, che era intervenuto per sedare gli animi e calmare l’esagitato.

I militari sono riusciti a disarmare il 21enne che ha tentato di opporsi dando in escandescenze prima di essere definitivamente bloccato senza danni per nessuno. Il giovane è stato arrestato per resistenza e denunciato per la minaccia aggravata dall’uso del coltello e per il porto abusivo della stessa arma. Su disposizione della Procura di Pistoia dopo la formalizzazione dell’arresto, il 21enne è stato trasferito agli arresti domiciliari in un’altra struttura di accoglienza della stessa cooperativa Arkè a Lizzano Pistoiese, in attesa della direttissima di oggi presso il Tribunale di Pistoia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica