«Organizzò sterilizzazioni forzate»: incriminato l’ex presidente del Perù

martedì 13 novembre 14:36 - di Redazione
torino

L’ex presidente del Perù Alberto Fujimori e tre dei suoi ministri della Sanità sono stati formalmente incriminati per presunti 2.166 casi di sterilizzazione forzata. Lo ha reso noto l’associazione Demus per i diritti delle donne. Le accuse, dopo indagini durate 14 anni, si riferiscono al periodo 1996-2000, negli ultimi quattro anni della presidenza di Fujimori.

Allora 272.028 donne e 22.004 uomini furono sterilizzati nell’ambito di un programma di pianificazione familiare, che riguardava principalmente popolazioni povere di lingua quechua del Perù, che vivono sulle Ande. Secondo le indagini, in 2.166 casi le sterilizzazioni furono condotte in mancanza del consenso degli interessati oppure senza aver fornito loro tutte le informazioni necessarie. Inoltre vi furono negligenze negli interventi di sterilizzazione, che portarono alla morte di una donna e a conseguenze sulla salute di altre. Oltre a Fujimori, in carcere da 10 anni per una condanna a 25 per abusi nei diritti umani, sono stati incriminati gli ex ministri della Sanità, Marino Costa, Eduardo Yong e Alejandro Aguinaga. Quest’ultimo era anche il medico di Fujimori.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica