Maltempo, arriva lo sciamano ad Asiago per placare la Madre Terra

lunedì 5 novembre 12:40 - di Angelica Orlandi

Danze, tamburie canti. Arriva lo sciamano per pregare contro il maltempo e scongiurare nuovi disastri. Si arriva a tutto. Anche a tentare di mettersi in contatto con gli spiriti della Terra. Un inusuale «Rituale per la Madre Terra e gli Spiriti della Natura», è stato organizzato per placarne le ire dopo che «la forza dell’acqua ha messo il bosco in ginocchio». La bizzarra notizia arriva dal Corriere. Dopo lacrime e devastazione nei Sette Comuni, con le centinaia di migliaia di alberi fatti crollare dalle raffiche di vento, c’è anche chi si organizza diversamente, predisponendo  un rito sciamanico in montagna aperto al pubblico. Il fine del rito è anche quello di chiedere scusa a Madre Natura cercando di  comprendere quello che è accaduto: una  «presa di coscienza del nostro posto nel mondo».

«Gli uccelli e gli animali, gli alberi e l’uomo: siamo tutti figli indifesi e fragili di fronte a questa potente madre che crea e distrugge, che ci nutre e ci sostiene, ci guarisce e trasforma – spiega al Corriere la sciamana Arianna Azzolini, alias Zanemvula –  La natura è molto più forte di noi, può scrollarci via in pochi secondi. E’ importante onorare la madre terra, gli spiriti dei luoghi, ed entrare in comunione con tutto ciò che è». Suoni, tamburi e canti in onore della Terra, allora. L’evento è in programma venerdì 16 novembre a Tresche Conca (Roana) e si svolgerà sotto l’egida del Centro Olistico Chandra di Mason. Non sarà sola la  Zanemvula, ma sarà  coadiuvata da TiKuana Tacha, sciamana proveniente dall’Amazzonia Colombiana. «La Terra è arrabbiata e ha bisogno di amore».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica