L’ex direttrice di Di Maio: “Con noi era solo un tecnico, non faceva il giornalista”

lunedì 12 Novembre 19:46 - di

Prima del Luigi Di Maio vicepresidente del Consiglio, prima ancora del Di Maio capo politico e parlamentare del Movimento 5 Stelle, c’è stato un Di Maio giornalista. Nelle ore in cui la tensione tra il leader M5S e la stampa raggiungeva la soglia di guardia per le frasi sui giornalisti “infimi sciacalli” – pronunciate dal capo grillino a commento della sentenza di assoluzione del sindaco di Roma Virginia Raggi – l’Ordine della Campania (al quale Di Maio è iscritto dal 2007 come pubblicista) è intervenuto annunciando che “dopo le numerose segnalazioni ricevute” gli atti “saranno trasmessi al Consiglio disciplina regionale”.

Lo sfogo di Gabriella Bellini

Frasi, quelle di Di Maio, che non sono piaciute a Gabriella Bellini, direttrice responsabile della testata web campana laprovinciaonline.info, con la quale il leader pentastellato ha collaborato fino all’elezione in Parlamento nel 2013. “Il Luigi che conosco io – dice Bellini – non avrebbe mai pronunciato quelle parole. Lui conosce i sacrifici che fanno i giornalisti delle testate locali, per questo le sue frasi mi hanno stupita. Sono parole che mi feriscono, ci sono rimasta male. Oggi che è ministro del Lavoro dovrebbe sapere che cosa significa la libertà di stampa in un territorio difficile come il nostro”.

Di Maio era webmaster della Provincia online

Bellini precisa che Di Maio ha lavorato per la Provincia online in qualità di webmaster: “Non è con noi che ha preso il tesserino di pubblicista. Qui è arrivato come tecnico, eravamo agli albori del giornalismo online. E ci ha dato una grande mano. Era un ragazzo puntuale e preciso”. La direttrice della testata conserva un buon ricordo del vicepremier di Pomigliano d’Arco. “Lo trovavo adorabile sotto ogni punto di vista, non ci si poteva proprio lamentare di lui, era disponibile a ogni ora del giorno. Ha lavorato per noi fino a 15 giorni prima che venisse eletto alla Camera. Probabilmente siamo stati gli ultimi a fatturargli dei lavori come webmaster”.

Quando Di Maio scriveva di come sono integrati bene i migranti

Sulla vecchia versione del sito de La provincia online sono reperibili quattro articoli firmati da Di Maio e databili in un periodo che va dal 2010 al 2012. In uno di questi, dal titolo San Felice sulle spalle dei rifugiati, Di Maio parla di “modello Pomigliano” per quanto riguarda l’integrazione di un gruppo di rifugiati scappati dalla guerra in Libia.

“Basta fare un giro a Pomigliano – scriveva il Di Maio giornalista il 15 gennaio 2012 – per scoprire quanto questa città abbia accolto a braccia aperte i migranti: coetanei che gli offrono il caffè, si fanno dare dritte per le scommesse di calcio e tifano il Napoli insieme, i ragazzini di Pratola Ponte che li aspettano ogni pomeriggio per giocare a pallone, altri che gli prestano il cellulare”. Chissà se ha parlato della perfetta integrazione dei migranti di Pomigliano d’Arco con il suo collega di governo Matteo Salvini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • G.Erman 13 Novembre 2018

    Tanto di cappello a Di Maio, se dopo aver fatto lavori umili è diventato ministro dello sviluppo economico, ministro del lavoro, delle politiche sociali, nonché Vicepresidente del Consiglio dei ministri nel Governo Conti, con REGOLARE MANDATO DEGLI ELETTORI.
    FdI non si abbassi alla politica denigratoria di Berlusconi, ormai lesso, e del PD, partito contro gli italiani. Ha solo da perdere.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica