Anticorruzione, governo battuto in aula con il voto segreto

martedì 20 novembre 20:47 - di Redazione

Anticorruzione, la maggioranza è stata battuta nell’aula della Camera su una votazione a scrutinio segreto. L’emendamento che ha mandato in minoranza il governo, è a prima firma dell‘ex M5s ora al Misto, Catello Vitiello, e riguarda il reato di peculato, stesso tema su cui la scorsa settimana la maggioranza si era divisa in commissione, con la Lega a favore della riduzione della portata del reato di peculato e i 5 stelle contrari. Nel voto segreto è passato con 239 voti favorevoli e 184 contrari l’emendamento che reintroduce il colpo di spugna sul peculato per chi, una volta eletto, fa un uso disinvolto dei fondi pubblici, ma è “coperto” dall’esistenza di un regolamento. “Abbiamo voluto mandare un segnale al Movimento 5 stelle”. Così un deputato della Lega dopo che la maggioranza è andata sotto su un emendamento sul ddl anticorruzione. Su richiesta del capogruppo M5S, D’Uva, il presidente della Camera, Roberto Fico, ha sospeso i lavori per 30 minuti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 21 novembre 2018

    L’emendamento va in soccorso di Rixi,Bruzzone e Molinari ,leghisti doc condannati per peculato(spese pazze) e se se salveranno dopo aver commesso questo reato sarà proprio grazie agli amici di merende della Lega.I Cinquestelle sono una grande delusione ma trovo sbagliato rifilare loro colpe che non hanno come in questo caso specifico.

  • Andrea 21 novembre 2018

    Questa è la prova che alla fine piu del 70% sono un branco di farabutti !! … non possono far passare una legge che punisce i ladri visto che tre quarti di loro probabilmente hanno intralazzi oscuri oppure non escludono di poterli avere un giorno !! e quindi non si sa mai, meglio bocciarlo vero !?

  • Andrea 21 novembre 2018

    Che schifezza, non dovrebbe esistere niente di segreto !!! ci devono mettere la faccia, almeno quella, visto quanto li paghiamo ! Così non si potra mai sapere chi sono i nemici dello stato ! .. anche se chi è un po piu imformato lo puo sospettare. Che schifezza.

  • Giuseppe Forconi 21 novembre 2018

    Povera Italia, queste sono le decisioni che i parlamentari bloccano….. forse per proteggersi?? Smettetela di fare queste votazioni SEGRETE, la coscienza vi brucia se si scoprisse chi e’ a favore e chi no ?? Siete tutti anziani e con un cervello che funziona, si spera, quindi se c’e’ da decidere su una legge e’ bene che si sappia chi la vuole e chi no. Spruzzate un po di naftalina nell’aula, c’e’ troppo odore di chiuso e di vecchio.

  • Vini 20 novembre 2018

    I signorini del movimento rendono ogni giorno meno affidabile.
    Invece di collaborare con i loro alleati cercano di affondare regole utili.
    Non votero mai piu movimento troppi burattini.
    Salvini molto piu positivo e serio su tutti gli eventi.

  • In evidenza

    contatore di accessi