Tumori, ecco i “robot chirurghi”: l’era digitale conquista la sala operatoria

giovedì 4 ottobre 13:49 - di Redazione

Sembrava incredibile, invece è realtà: parliamo dei “robot chirurghi“, diretta evoluzione delle prime super macchine che debuttarono nelle sale operatorie italiana nel 2006. Allora sembrava fantascienza che sotto il camice verde potessero spuntare braccia meccaniche armate di bisturi e ferri chirurgici, seppur guidati da medici in carne e ossa dietro la consolle. Invece era il futuro. «Entro il 2020 -annuncia infatti il professor Angelo Maggioni, dell’Ieo di Milano – la chirurgia robotica cambierà volto e sia i medici che i pazienti devono esserne consapevoli. Stiamo entrando nell’era digitale della robotica in chirurgia».

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza