Spietata Lucarelli, «Boschi, migranti, Pd: Toscani? Fotografa solo barche che affondano»…

sabato 6 ottobre 12:10 - di Lara Rastellino

E sono due: l’indomita Selvaggia Lucarelli rincara la dose di veleno ed eleva al quadrato le stoccate al vetriolo spedite all’indirizzo di Maria Elena Boschi: “galeotto fu il servizio fotografico e chi lo fece»…Ossia Oliviero Toscani per Maxim.

Selvaggia Lucarelli asfalta pure Oliviero Toscani

E sono due, appunto: perché già poche ore fa, commentando assai sardonicamente il book pubblicato su Maxim che ritrae un’inedita Meb alle prese con l’obiettivo di Oliviero Toscani, sbatte al centro del suo caustico mirino proprio il fotografo iconoclastico simbolo delle più spregiudicate campagne Benetton, non proprio un simpaticone non proprio nel cuore degli italiani, addetti ai lavori e destinatari dei suoi messaggi marketing, spesso più inorriditi dai suoi “lampi di genio pubblicitario” scattati in nome del sensazionalismo e a scapito di etica, morale e buon gusto, troppo spesso sacrificati sull’altare dell’estetica choc ricercata a tutti i costi. E allora, tanto per rimanere in tema di offese trash e messaggi subliminali, poteva mai la polemista e corsivista che solo 24 ore, in un suo articolo sul Fatto Quotidiano ha dato – e senza troppi giri di parola come al suo solito – della «con malata di salmonella» alla ex ministra e sottosegretaria piddina lasciarsi sfuggire l’occasione di andare all’attacco anche del fotografo che l’ha messa in posa e ritratta?

«Toscani, fotografa solo barche che stanno affondando»…

Certo che no, e così, in un lampo di genio (non sono mica solo appannaggio del fotografo di Benetton) la Lucarelli in vena di sfottò e, a questo punto va detto, decisamente infastidita dal book editata su Maxim, ci ritorna e con una fava prende i due piccioni e assesta la stoccata al pittore prima ancora che alla sua modella: «L’operazione di Toscani presenta una linea di continuità: da giugno, tra migranti ed esponenti del Pd, fotografa solo barche che stanno affondando».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza