Scandalo Unicef, FdI: va cancellata la norma “salva-parenti di Renzi”

lunedì 22 ottobre 10:36 - di Paolo Sturaro

Una serie di emendamenti al decreto sicurezza per fare chiarezza sullo scandalo dei fondi Unicef, togliere qualsiasi ombra, eliminare gli equivoci. I senatori Ignazio La Russa, Luca Ciriani  e Giovanbattista Fazzolari hanno proposto di reintrodurre la procedibilità d’ufficio in alcuni casi specifici per i reati di truffa, frode informatica e appropriazione indebita aggravata. Si cancella così quella che definiscono la “norma salva-parenti di Renzi”. La verità dev’essere accertata fino in fondo. Si parte dall’inizio: alcuni familiari di Renzi (il cognato e i suoi fratelli) sono accusati dalla Procura di aver distolto 6,6 milioni di euro destinati ai bambini africani. Ma, come denuncia FdI, il governo Gentiloni – con la riforma Orlando – negli ultimi giorni di attività ha introdotto una norma in base alla quale per perseguire il reato di appropriazione indebita serve la querela di parte del danneggiato (in questo caso l’Unicef). «Peccato che Unicef abbia deciso di non querelare legando di fatto le mani ai magistrati», affermano gli esponenti del partito guidato da Giorgia Meloni in una nota. «Tutto finito in cavalleria? Forse no, grazie a Fratelli d’Italia che ha presentato un emendamento al decreto sicurezza per cancellare la norma Orlando e far tornare il resto di appropriazione indebita procedibile d’ufficio». La sfida è lanciata: «Vediamo in Parlamento chi voterà a favore e chi contro».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pino1° 23 ottobre 2018

    Tutte quelle finte associazioni sono enormi macchine che, al pari degli zingari, fanno commuovere con il pianto dei bambini, possibilmente neri ! A napoli dicono, chiagne e fott- ! E dai vispi napoletani su quel fronte c’è solo da imparare e capire. Quanto costa una comparsata in TV nelle ore del pranzo ? di struggenti bambini piangenti, nudi moccolo al naso e pancia gonfia, feriti, scheletrici ? Centinaia di migliaia di euro estorti con un osceno pietismo x dementi ! Sono le Wanna Marc dell’elemosina. Estorsori specializzati, la stessa prestigiosa Oxfam ha dovuto chinare il capo ed ammettere gli stupri in cambio di cibo ! Per cento euro donati ne arrivano sui teatri di guerra non più di dieci a seconda delle organizzazioni che spesso usufruiscono delle derrate disposte dagli stati per i teatri di guerra e le ri- conteggiano, le fanno lievitare come il panettone, che tutte le summenzionate si affettano senza aspettare natale. Altro che magistratura e mani pulite !!!

  • Laura Prosperini 22 ottobre 2018

    BRAVISSIMI
    è sensazionale in negativo, al massimo,
    quello che hanno fatto i familiari di Renzi rubando 6,6 milioni alle donazioni per i bambini poveri dell’Africa
    e ancora più incredibile che l’Unicef non li abbia denunciati questo implica che in Unicef ci sia, radicato, una gang di malfattori che sostanzialmente può gestire l’Unicef stessa!!!!

  • In evidenza

    contatore di accessi