Saluto romano ad Auschwitz. E scatta il dovere dell’indignazione

domenica 21 ottobre 9:26 - di Redazione

Se è vero, è grave. Molto grave perché l’evento si sarebbe verificato durante una gita scolastica, dunque a scopo didattico. Ma è tutto questo corredo di verbi al condizionale che rende la notizia fumosa. Si parla di foto choc: è lo scatto tratto da Instagram e pubblicato da I sentinelli di Milano, sito antifascista, che ritrae tre ragazze che fanno il saluto romano davanti all’entrata del campo di concentramento di Auschwitz. “Sembra siano state identificate e rischiano 3 anni di reclusione” scrivono i Sentinelli di Milano, postando la foto sulla loro pagina Facebook. “Magari riusciranno finalmente a studiare” commentano con un’amara ironia. La foto ha subito dilagato sui social, col suo corredo di “sembra” e “sarebbe”. Non se ne sa nulla, però tutti avremmo il dovere dell’indignazione… Tra l’altro, a guardare bene la foto, due delle ragazze non fanno alcun saluto romano. In ogni caso non si sa la data, non si sa la scuola, non si sa nulla. Solo che sono minorenni date in pasto alla gogna social senza alcuna verifica, amplificando un sito di propaganda come I sentinelli di Milano. Non meriterebbe, tra l’altro, una riflessione la scelta di amplificare certi atteggiamenti con il rischio di una ottusa emulazione? Stare dietro ad ogni cretinata adolescenziale è fare informazione? Senza contare poi che ci sono precedenti che inducono a dubitare di queste notizie così “scioccanti”: anche qualche settimana fa finì su tutti i giornali il caso di una ragazza di Venezia che raccontò di essere stata rifiutata da un ristoratore come cameriera perché nera. Vero? Falso? Non si sa. Ma anche in quel caso è scattato il dovere dell’indignazione. Come tre anni fa, quando si scrisse che c’era un bambino che all’asilo faceva il saluto romano. Tutto falso. Però quanto ci eravamo indignati…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Marco 24 ottobre 2018

    3 anni per un saluto. La Gestapo non arrivava a tanto, non dava 3 anni per il saluto comunista di adolescenti in gita. Servivano almeno sospetti per una vera militanza. La GPU, invece, dava 5 anni di Gulag per lo “psicoreato”, magari tradito da un sorriso (leggete Solzenicyn).

  • ANTERO 22 ottobre 2018

    Una bravata fuori luogo ….

  • G.Erman 22 ottobre 2018

    Ancora con il saluto romano (dei Cesari) e ancora con Auschwitz. Nessuno mai ricorda gli altri 14.730.000 morti civili (dati di Wikipedia), non ebrei, innocenti anche loro. Viviamo in mondo di ipocriti.

  • Massimilianodi SaintJust 21 ottobre 2018

    Ma questa è una goliardata non un saluto romano. Poi quello vero lasciatelo ai maschi!

  • Anto 21 ottobre 2018

    Personalmente dopo aver dato un’occhiata alla pagina facebook dei sentinelli di Milano sono molto scettico sulla effettiva veridicità della notizia: la pagina infatti è un concentrato di invasati di sinistra che vedono fascismo dappertutto.
    Alla fine forse verrà fuori che questa notizia è stata la classica bravata amplificata e/o distorta dai media e finirà, giustamente, nel dimenticatoio.

  • NOEURO 21 ottobre 2018

    Ragazze stupidelle ei sentinelli si suggestionano. Andate in gita altrove, non in posti angoscianti.

  • In evidenza