Renzi prova a riciclarsi con un’altra Leopolda. “Facciamo la Resistenza”

domenica 14 ottobre 17:23 - di Lucio Meo

“Quella di quest’anno rischia di essere l’edizione più partecipata di sempre”. Matteo Renzi , bocciato dalle urne, dalla gente, dal Pd, dagli italiani e anche dai suoi fedelissimo, non si arrende e annuncia numeri da record alla nuova edizione della Leopolda, in programma dal 19 al 21 ottobre prossimi a Firenze, dove presenterà anche, con Padoan, una ‘contromanovra’. Il tema quest’anno è “Ritorno al futuro” e, come ha chiarito lo stesso senatore dem, “si parla dell’Italia” e “non di correnti dentro il Pd né di candidati al Congresso”. Vero, anche perchè l’ex premier ha già dato appuntamento a Salsomaggiore a inizio novembre, quando si ritroveranno i renziani per parlare (questa volta sì) del Pd e del Congresso. Quindi, anche se sarà difficile tenere fuori dalla stazione fiorentina per tre giorni il tema Nazareno, la Leopolda9 si propone come quella del via ufficiale alla “resistenza civile” da tempo invocata da Renzi contro il duo Salvini-Di Maio: “Alla Leopolda si parla di come impostare una vera e propria resistenza civile contro la cialtronaggine del governo”, per usare le parole del senatore Pd. Nel prossimo week end qualcosa di concreto dovrebbe vedersi. Il modello cui sta pensando da tempo l’ex premier, che verrà lanciato nella due giorni fiorentina, è quello che lui stesso, giovane appassionato di politica, sposò ai tempi dei Comitati per Romano Prodi. Piccoli gruppi, almeno 5 persone, formati da non iscritti, uniti in una rete sui territori e tenuti insieme non dalla tessera di un partito ma da idee comuni su temi specifici, sia locali che più ampi.

“Faremo comitati civici in ogni comune per fare resistenza a chi dice no a vaccini, alla Tav, alla Tap, all’Ilva”, ha promesso di recente Renzi. Una iniziativa molto simile a quella lanciata ai tempi del referendum (alla faccia della scaramanzia…), quando l’allora premier chiese a ognuno degli italiani favorevoli alle riforme (quel famoso 40% sempre sbandierato da Renzi insieme a quello delle europee) di convincere almeno altre 5 persone. Un progetto ambizioso, con una sua ‘stabilità’ e quindi in grado di andare oltre l’evento-Leopolda, che una volta lanciato rischia di sovrapporsi in modo deciso al tema del futuro del Partito democratico. Per il resto, il format della Leopolda è quello ormai ben definito: si parte venerdì alle 19 con un aperitivo di benvenuto per poi iniziare i lavori intorno alle 20.30. Sabato si riprende alle 9.30 per andare avanti fino a cena, con una pausa dei lavori per il pranzo. L’ultimo giorno, domenica, si inizia sempre alle 9.30 per chiudere poi alle 13. Per intervenire si compila l’apposito ‘form’ su Internet o si manda un breve video. Come sempre, anche questa Leopolda9 è ‘family friendly’, con lo spazio bambini. Confermato anche il ‘no, grazie’ a trolley e bagagli, con l’invito ai partecipanti a non portarli. La novità di quest’anno è però la parentesi culturale: per i partecipanti è infatti prevista, sabato sera, una apertura straordinaria di palazzo Strozzi per la mostra ‘Marina Abramovic. The cleaner’. Presentando il badge si avrà diritto a un biglietto ridotto. Ggià alcuni candidati al Congresso dem hanno annunciato la loro presenza: Matteo Richetti, già protagonista di diverse edizioni passate, e Francesco Boccia. Mentre anche il segretario dem Maurizio Martina, fedele alla sua intenzione di seguire da vicino e in chiave unitaria tutti gli eventi della galassia dem, potrebbe essere tra i visitatori della stazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 15 ottobre 2018

    Renzi , Renzi, sei peggio dei funghi velenosi, sbucano qua e la con la speranza che qualche stron… Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino…… vecchio detto dei nonni. Ma in definitiva si sapeva che la Merkel a forza di tirare la corda questa si sta spezzando ed eccone i risultati,. anche la Germania si sta rompendo di questa situazione. ……. E da noi quando ????? lo raccolga e se lo mangi non sapendo che nel giro di 24 ore tra atroci dolori , morira’ insieme al fungo. Non si capisce come dentro del PD non ci sia una persona sana di cervello che gli dica una volta per tutte di andarsi a ……….!!!! Martina , lei che pensa, perche’ non glielo dice lei ???

    • Giuseppe Forconi 15 ottobre 2018

      …. scusate …, confusione tra due differenti articoli.

  • Paola 15 ottobre 2018

    Renzi è disgustoso: **quante volte** disse in TV che se avessero perso il referendum, avrebbe lasciato, non il partito, ma LA POLITICA!!!!!!!

  • 14 ottobre 2018

    Resistenza, ma per piacere non è possibile scordare il tuo danno alla patria!!

  • In evidenza