Ragusa choc, stuprata e pestata: le spacca naso, zigomo, mascella. L’orco è un mediatore gambiano

sabato 27 ottobre 13:00 - di Martino Della Costa

Ragusa sotto choc: l’orrore senza fine consumato in centro d’accoglienza, e che ha come carnefice un mediatore culturale gambiano e come vittima un’ospite della struttura della città – ossia due stranieri accolti e inseriti nell’ambito di un progetto di integrazione – è esploso in tutto il suo potenziale violento: una deflagrazione i cui echi terrificanti risuoneranno a lungo nell’aria, rimanendo indelebili nella mente della donna che ha subito uno stupro e una violenta aggressione. Certo oggi il suo aguzzino è stato arrestato dalla Squadra mobile di Ragusa con l’accusa di violenza sessuale e lesioni gravi: ma è davvero difficile pensare che questa donna potrà un giorno tornare a  sentirsi davvero al sicuro, al riparo dal rischio di tanta crudeltà e spregio…

Orrore a Ragusa:  stuprata e pestata dal mediatore culturale gambiano

L’aguzzino, come anticipato, è un immigrato gambiano di 27 anni: un uomo che è stato capace di una ferocia mentale e di una brutalità fisica davvero inquietanti: ha afferrato la sua preda e l’ha stuprata avvicinandola mentre la donna stava cucinando, abusandone a suo piacimento e intimandole di tacere sullo stupro altrimenti l’avrebbe uccisa senza pietà. Naturalmente la vittima terrorizzata e soggiogata, fisicamente per lo stupro subito, psicologicamente per essere stata minacciata di morte, non ha denunciato quanto da lei subito. Eppure, in base a quanto riporta tra gli altri il sito del Tgcome 24, solo il giorno dopo la donna, accusata dal mediatore di aver «violato una regola del centro» – e rassicurata dagli investigatori della Squadra mobile e dal conforto di una psicologa – si è convinta a raccontare quanto da lei subito, rompendo il silenzio. Peccato che l’indagato nel frattempo, avendo capito che l’aria che tirava per lui si stava facendo pesante, si è sbrigato a lasciare il centro di accoglienza, provando a far perdere le sue tracce, almeno fino a ieri quando, agendo in collaborazione con l’ufficio Immigrazione della Questura di Ragusa, gli uomini della Squadra mobile lo hanno rintracciato ed arrestato.

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza