Pistola al peperoncino in vendita con “Libero”. Feltri: così diamo una mano ai lettori

giovedì 11 ottobre 19:14 - di Riccardo Arbusti

Dal 20 ottobre, aquistando una copia del quotidiano Libero, sarà possibile anche dotarsi a un prezzo speciale della pistola al peperoncino GA3. Potrà essere comprata al prezzo di 43,50 euro anziché 59. Pesa poco più di un etto e contiene due colpi che sprigionano un liquido al peperoncino. Gli effetti su un eventuale aggressore sono tosse, spasmi, nausea, disorientamento e irritazione. La durata di questi effetti è di circa un’ora.

In pratica, dopo avere appoggiato la campagna per la “difesa che è sempre legittima”, il quotidiano di Vittorio Feltri passa alle vie di fatto, scegliendo di dare un aiuto concreto ai suoi lettori contro rapinatori, stupratori e malintenzionati. A spiegare e giustificare l’iniziativa scende in campo con un editoriale lo stesso Feltri, spiegando che il mondo è una giungla e iniziando il suo articolo con la massima sulla gazzella che ogni giorno deve correre per salvarsi e il leone che deve correre per mangiare. Una massima che per Feltri si traduce in un invito a “muovere le chiappe e darsi da fare” se si desidera sopravvivere. “Qualora aspettassimo – scrive – l’intervento del legislatore per fornirci gli strumenti onde salvaguardarci, ci potrebbe capitare non solo di fare la muffa, ma pure di morire. Dunque, tanto meglio provvedere in proprio. E Libero desidera dare una mano ai suoi lettori, anzi mettergli in pugno una vera e propria arma di autodifesa, ovviamente legale. Ci preme – continua Feltri – spingere il cittadino alla virtuosa autonomia, che non implica il farsi giustizia da sé, che noi aborriamo, bensì comporta l’adozione di quelle misure minime di tutela dell’incolumità e della sicurezza personale e dei propri cari”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • tino 12 ottobre 2018

    Quelle madri sempre incinta sfornano anche chi perde l’occasione di stare zitto

    • Ivan 12 ottobre 2018

      A forza di stare zitti abbiamo avuto l’invasione africana, sudamericana e di numerosi criminali fuggiti dai loro paesi per evitare l’arresto. Tutti beatamente a delinquere in Italia.
      Mafia nigeriana che spaccia impunemente e altri reati di questo tipo.
      Chi continua a stare zitto è sicuramente figlio di tale madre.
      Io la mia opinione la ho esressa nel rispetto della legge e chiaramente.
      Questa delle pistolette è una idiozia.
      Vanno aumentate le pene e introdotte le pene corporali in pubblico a fini istruttivi.

  • Angela 11 ottobre 2018

    Di solito chi compra Libero non è di sinistra,ma il delinquente è apolitico e se trova con il giornale la pistola la userà contro le povere vittime per rapinarle o fare peggio… Lodevole iniziativa di Feltri peccato che oltre alle persone perbene la potranno usare pure i disonesti…

  • Ivan 11 ottobre 2018

    Sicuramente ci saranno molti malviventi che compreranno questa ridicola pistoletta per usarla per delinquere “low cost”.
    Inoltre compreranno anche gli occhiali di protezione.
    La madre degli idioti è sempre incinta e sforna figli che da grandi faranno i giornalisti, i politici (specie di sinistra), i medici senza frontiere, i “buonisti” e tanti altri lavori inutili o dannosi.
    Questi sono il cancro dell’Italia.

  • In evidenza