Manovra, Meloni: «Sono delusa. I 5Stelle incassano tutte le misure “compra consenso”»

martedì 16 ottobre 19:30 - di Eugenio Battisti

«Sono delusa dalle prime notizie sulla manovra: il Movimento 5Stelle porta a casa tutto. Dieci miliardi per il reddito di cittadinanza e solo pochi spiccioli per la crescita e gli investimenti». Giorgia Meloni definisce la nota al Def, approvata dal Consiglio dei ministri ,un provvedimento fatto su misura dei Cinquestelle a fini elettorali. «È fatta di misure “compra consenso” – scrive su Facebook la leader di Fratelli d’Italia –  che guarda alle elezioni europee più che al futuro della nazione. Fratelli d’Italia farà del suo meglio per migliorarla in Parlamento con proposte concrete e utili all’Italia».

L’ex ministro della Gioventù torna a polemizzare sulla “filosofia” della manovra economica licenziata da Palazzo Chigi che rimanda a data da destinarsi gli interventi richiesti dai cittadini e si concentra su provvedimenti come il reddito di cittadinanza ispirato all’assistenzialismo del passato che «non produrrà nuova occupazione».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Vacca 18 ottobre 2018

    Il DEF fa’ schifo ed e’ veramente pericoloso
    Il reddito di cittadinanza non crea posti di lavoro,i dieci miliardi andavano investiti per rimettere in moto l’economia e quindi creare posti di lavoro
    Il condono e’ una vergogna
    La legge Fornero andava rivista ma non abolita
    Mi dispiace per Salvini che fino ad ora aveva fatto le cose giuste , ma la verita’ e’ che non si puo’ stare con 5 stelle, il posto della Lega deve essere nel centrodestra

  • Giovanni Vuolo 17 ottobre 2018

    DIECI, CENTO, MILLE VOLTE RAGIONE. I 5S STANNO RAZZIANDO TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA RAZZIARE PER ACQUISTARE CONSENSI. DI QUESTO PASSO LORO CRESCERANNO, E SALVINI DILAPIDERA’ TUTTI IL PATRIIMONIO DI APPROVAZIONE FATICOSAMENTE CONQUISTATO CON L’ATTEGGIAMENTO INTRANSIGENTE NEI CONFRONTI DELL’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA. E I RISULTATI SI VEDRANNO ALLE PROSSIME ELEZIONI, QUANDO I 5S POTREBBERO NON AVER PIU’ BISOGNO DELL’APPORTO DI SALVINI.

  • Enrico 17 ottobre 2018

    Salvini è l’unico responsabile dei 5stelle al governo. Li ha preferiti a Forza Italia, ai Fratelli d’Italia e al resto del centrodestra col quale poteva avere la maggioranza. Inutile sbraitare contro questi o quelli. Tutto questo rumore non copre l’errore iniziale di cui l’Italia pagherà il prezzo

  • Carlo Cervini 17 ottobre 2018

    Illudersi di creare veri posti di lavoro senza opere pubbliche necessarie ed investimenti privati è un’utopia, basta assistenzialismo moltiplicando per legge o decreto gli stipendi pubblici inutili; dopo l’integrazione delle pensioni minime, con 500 euro si muore d’inedia, tutte le risorse dovevano andare alla flg tax e all’annullamento di tasse e balzelli che paralizzano il Paese impedendo qualsiasi intrapresa privata. invece solo assistenza ai nullafacienti e sperperi pubblici.

  • FAUSTO 17 ottobre 2018

    SALVINI SVEGLIATI. HAI FATTO BENE BLOCCANDO I PORTI E METTENDO ALLA PORTA LE ONG. ATTENZIONE ORA A NON SOSTITUIRE LE ONG CON LA GUARDIA COSTIERA. OCCORRE PUNTARE OLTRE CHE SUI PAESI DI PARTENZA ANCHE SUI RESPINGIMENTI IN MARE. CON LA MANOVRA ECONOMICA HAI FATTO FIASCO, NIENTE FLAT TAX PR LE PERSONE, TAGLIO DELLE PENSIONI E PREVISIONI NERE PER IL FUTURO. TI INVITO CALDAMENTE A ROMPERE CON I 5* PERCHE’ IN CASO CONTRARIO ALLE PROSSIME ELEZIONILE LA LISTA NOI CON SALVINI SARA’ FORTEMENTE RIDIMENSIONATA. SONO SEMPER STATO UN SOSTENITORE DELLA LEGA, ORA SONO DELUSO

  • Mauro 17 ottobre 2018

    Personalmente difendo il reddito di cittadinanza non tanto perchè a disoccupati e diplomati/laureati senza esperienza e lavoro viene dato un reddito ma perchè lo stato finalmente si riappropria del mercato del lavoro (Dovendo trovare un lavoro ai disoccupati etc) .Ha fatto bene Di Maio ad andare in Germania per vedere la come funzionasero i Centri per l’impiego e già in partenza ci saranno numerosi posti di lavoro per fare funzionare questi Centri. Inoltre la ricerca di lavoro potrebbe anche aiutare la finanza e le forze dell’ordine nella loro opera di contrasto alla criminalità, al lavoro nero ed al non pagare le tasse.

    • sergio la terza 17 ottobre 2018

      Dimaio deve andare a scuola è inutile copiare quando l’ignoranza alberga nel suo io.-

  • Angela 17 ottobre 2018

    Cara Meloni a me è spiaciuto che i 5* hanno posto il veto per l’entrata di FdI nel governo,ma la manovra che hanno fatto è a favore del popolo Italiano e non solo per avere un consenso maggiore alle prossime elezioni europee…Lei ,con il centrodestra è stata al governo qualche anno fa ,ma non vi è passato minimamente per la testa di puntare i piedi verso l’Europa e imporre una manovra che fosse a beneficio degli italiani…Un po’ di autocritica non guasterebbe , ciò detto io la stimo come donna e come Politico Italiano.

    • Sebastiano 17 ottobre 2018

      calma Angela.. non puoi infierire sulla Meloni quando era al governo del CDX, lei era ministro della gioventù e mai NESSUNO ha fatto meglio di lei in quel ministero e non lo dico io, ma amici e nemici che hanno saputo analizzare ciò che è stata in grado di fare, nel suo piccolo, per i giovani. Il CDX di cui tu parli era proprietà privata di Berlusconi, forte del suo vantaggio di voti, sulla Lega che sul PDL cui, Fini ha assoggettato AN. Lei era perfino contraria, ascolti la sua intervista prima del voto su LA7, alla Legge Fornero ma, per lealtà verso la coalizione voluta da Berlusconi e Fini, ha dovuto firmare quella porcata. Non per niente è stata felicissima quando Berlusconi ha sciolto il PDL da cui prese le distanze.

  • Ivan 16 ottobre 2018

    Fratelli d’Italia a favore dei vitalizi come pd e fi?
    Sbagliate.

    • Sebastiano 17 ottobre 2018

      signor IVAN, questo colpo di ignoranza e, credo, malafede, se la poteva risparmiare. La Meloni non votò la proposta dei 5 Stelle (e dire che lo ha spiegato diverse volte) solo perché la loro proposta era retroattiva, cosa VIETATA dalla Costituzione. Lo capirete quando i tribunali saranno intasati dalla massa dei ricorsi.
      Quello che però LEI non dice, è che il M5S bocciò la proposta della Meloni, proposta attinente il rispetto della Costituzione che non avrebbe provocato i ricorsi di incustituzionalità e l’annullamento dei tagli… ma questo il M5S se n’è guardato bene dal dirlo, tant’è che voi nemmeno le sapete (almeno voglio sperare in buona fede) queste cose.

      Se volevano fare una cosa giusta, dovevano ELIMINARE le pensioni politiche (non previste dalla Costituzione), i privilegi (non previsti dalla Costituzione) e i super stipendi, poiché la COSTITUZIONE prevedeva solo una indennità per la durata della carica di parlamentare.
      Ovvero, sarebbe stato sufficiente applicare la Costituzione.
      Ma in questo caso bastava scrivere una legge con 1 solo articolo e cioè: “i Regolamenti Parlamentari devono attenersi alla Costituzione pena la loro nullità.”… ma tu/voi grillini, leghisti e fratelli d’Italia, avete mai sentito qualche politico dire o battersi per questo cose COSTITUZIONALI?
      No, certo che NO e questo mi dice che i politici sono tutti uguali, perchè di beccano, mega stipendi, pensioni e privilegi in perfetta violazione della Costituzione.

  • 16 ottobre 2018

    Ms. Meloni segua la sua linea politica e la più valida del Italia, specialmente la Sovranità!!

  • STEFANO ROSSI 16 ottobre 2018

    Non c’è nessun aventino, Fratelli d’Italia non è entrato in maggioranza per due ragioni.
    La prima è propria e nobile, tenere fede al pato con gli elettori: Mai in un governo a trazione 5 stelle.
    La seconda non è propria, ma è frutto del veto degli stessi 5 stelle.

    • Franco Costantini 16 ottobre 2018

      Vero quello che lei dice, l’Aventino era solo una metafora. In realtà auspicavo una visione pragmatica e meno romantica della politica, proprio per togliere linfa alla trazione 5 stelle. In effetti non ho la ricetta ma credo che uomini (e donne) politici più esperti possano col tempo arrivare alla soluzione da me prospettata.

    • sergio la terza 17 ottobre 2018

      Condivido,perfettamente daccordo.

  • Franco Costantini 16 ottobre 2018

    La soluzione è abbandonare l’Aventino (caro alla sinistra con la puzza sotto il naso) ed entrare al governo, per indebolire la componente realmente populista e filocomunista del movimento.

  • In evidenza