Lotta al diabete e all’obesità, gli esperti spingono per la Sugar Tax

martedì 16 ottobre 11:53 - di Redazione

Per la salute e per combattere il diabete, che continua a colpire. Gli esperti dicono sì all’introduzione in Italia della Sugar Tax, una “tassa sugli zuccheri” per contrastare l’epidemia di obesità, alla quale spesso è associato anche il diabete di tipo 2.  Perché abbia successo, la Sugar Tax va inserita e integrata in un contesto più ampio di iniziative che investano i vari campi della prevenzione, dall’alimentazione sana ed equilibrata, alla lotta alla sedentarietà, alla promozione dell’attività fisica «Diventa impossibile per una società scientifica che si occupa di diabete – afferma Francesco Purrello, presidente della Società italiana di diabetologia (Sid) – non allargare il campo d’azione e di allerta anche al fenomeno obesità perché queste due pandemie sono, come visto, strettamente interconnesse una con l’altra. La prevenzione poi rappresenta una priorità assoluta per la Sid». A parlare sono i numeri: secondo i dati dell’ultimo rapporto Osservasalute (2017), in Italia tra la popolazione adulta la prevalenza di diabete è pari al 6,3%, ma tra gli obesi si arriva al 15%. Nella fascia d’età tra i 45 e i 64 anni, i soggetti con diabete di tipo 2 e obesità sono il 12%, ma si arriva addirittura al 30,1% tra gli “over 75”. E la relazione pericolosa tra obesità e diabete dà il peggio di sé tra il sesso femminile; se infatti tra i maschi la prevalenza di diabete passa dal 6,4% della popolazione generale al 13,9% per gli obesi, tra le donne si passa rispettivamente dal 6,2% al 16,1%. Ancora più preoccupanti, sono i dati relativi ai bambini.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi