La Commissione Ue boccia la manovra: «L’Italia la riveda in tre settimane»

martedì 23 ottobre 16:09 - di Redazione

Come ampiamente annunciato, la Commissione Europea ha bocciato la manovra economica del governo italiano. Una bocciatura netta, sentire le parole del vicepresidente Dombrovskis: «La manovra va apertamente e consapevolmente contro impegni. L’Italia la riveda in tre settimane. Non ci sono alternative». Parole che sembrano essere speculari al perentorio «nessun piano “B”» ripetuto come un mantra da Matteo Salvini e Luigi Di Maio a conferma dell’intangibilità del documento di bilancio partorito da Palazzo Chigi. La presa di posizione di Bruxelles scaraventa di nuovo la palla nella metà campo italiana. La partita è appena cominciata.

Moscovici: «La manovra italiana non è borderline»

Sulla bocciatura della manovra del governo è intervenuto da Strasburgo anche il responsabile Ue agli Affari Economici e Finanziari, il francese Pierre Moscovici per dire che la Commissione «è estremamente unita» nella decisione di chiedere all’Italia un nuovo documento programmatico di bilancio. «Non è un caso borderline – ha tenuto a precisare con riferimento alle stime delle previsioni economiche contenute del documento di bilancio del nostro governo -: la palla non tocca la linea, è lontana dalla linea».

Pensioni, deficit e condono nel mirino di Juncker

Analizzate nel dettaglio, le motivazioni addotte dalla Commissione a sostegno della bocciatura della manovra riguardano principalmente le misure di correzione della legge Fornero. «C’è un chiaro rischio di fare marcia indietro rispetto alle riforme che il Paese aveva adottato«, ha infatti rilevato Bruxelles criticando, in particolare, «la possibilità di pensionamenti anticipati inverte la rotta rispetto a precedenti riforme delle pensioni che sottendono alla sostenibilità a lungo termine del consistente debito pubblico italiano». Inoltre, la scelta di aumentare il deficit, alla luce della «dimensione significativa dell’economia italiana nell’area euro», rischia di creare «ricadute negative per gli altri Stati membri dell’eurozona». Infine, il condono: a giudizio della Commissione presieduta da Juncker, la tax amnesty potrebbe scoraggiare il rispetto, già basso, delle norme fiscali, premiando implicitamente i comportamenti che non rispettano le leggi, compensando in gran parte l’effetto positivo del rafforzamento della fatturazione elettronica».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 24 ottobre 2018

    Ok Juncker, ci rivediamo fra tre settimane, ma non dimenticare la bottiglia della grappa, potresti avere attacchi di astinenza. Cin Cin !!

  • Angela 24 ottobre 2018

    La UE vuole la “morte”dell”Italia,per fortuna abbiamo un governo che non arretra dinanzi alle minacce dei burocrati di Bruxelles,la manovra rimarrà quella che il nostro esecutivo ha presentato al popolo italiano e agli europei,e i tecnocrati se ne facciano una ragione.

  • Francesco Ciccarelli 23 ottobre 2018

    C’era da aspettarselo! Ci risparmino le rassicurazioni ipocrite: non vogliono solo sottometterci, vogliono ridurci alla miseria! Non ci fanno ancora fallire solo per il timore che l’Italia, in un sussulto di orgoglio, segua l’esempio degli elettori britannici! L’unica soluzione è di liberarci da queste regole usuraie!

  • Vini 23 ottobre 2018

    Forse e ora di dire a tutti questi carogna di andare a fa……. una volta per sempre e mandare a diavolo anche leuropa in casa nostra non credo che devono comandare loro.
    Fanno schifoooo.

  • Pino1° 23 ottobre 2018

    ora vedremo !!!

  • In evidenza