Il sangue dell’Afghanistan ricadrà sulle grandi “democrazie” occidentali

domenica 21 ottobre 11:29 - di Antonio Pannullo

L’avevamo scritto nei giorni scorsi, che le elezioni parlamentari in Afghanistan sarebbero state un grosso errore, da parte dei “liberatori” che hanno invaso il Paese asiatico nel 2001, come risposta all’attentato delle Torri Gemelle di New York. E così è stato: decine di morti alle urne, i talebani si sono scatenati, definendo un “complotto” occidentale le elezioni e invitando a boicottarle in tutti i modi. E questo dopo che il comando talebano aveva scritto una lettera a Donald Trump, all’indomani della sua elezione, invitandolo a riconsiderare l’occupazione militare e a restituire il Paese agli afghani.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi