Gasparri: «Su Desirée media distratti. Ma su fatti banali sempre pronti al polverone»

mercoledì 24 ottobre 17:37 - di Redazione

«L’uccisione a Roma della sedicenne Desirée mette ancora una volta in evidenza il degrado della città. Droga, immigrazione clandestina, occupazioni abusive, luoghi degradati dilagano e producono tragedie come questa, orrenda, che ha stroncato la vita di una adolescente». A sottolinearlo è stato il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, denunciando un deficit di attenzione rispetto a un delitto non solo atroce, ma anche emblematico del degrado in cui è precipitata la Capitale.

«Serve una svolta», ha avvertito Gasparri, «non solo a livello di norme più severe contro la criminalità, ma di contrasto alla droga su cui troppi banalizzano, incoraggiandone la diffusione, sul controllo del territorio, completamente abbandonato a causa della mancanza di organici delle forze di Polizia, a cui anche il nuovo governo non ha posto riparo». «Non aggiungiamo altro sull’impotenza e sull’incapacità della Raggi, emblema del fallimento grillino. Tante pretese, tante promesse, la responsabilità dell’abbandono di una città come Roma a se stessa», ha chiarito il senatore azzurro, sottolineando che «la morte di Desirée, non solo suscita sentimenti di dolore e di pietà, ma induce a un impegno più concreto e più incisivo contro il degrado, contro la droga, contro l’immigrazione clandestina».

«Tutte tragedie che trovano una drammatica sintesi in questo delitto. Che meriterebbe più attenzione da parte degli organi di comunicazione. La cui schizofrenia è incredibile. A volte – ha concluso Gasparri – alimentano polveroni su vicende banali, in questo caso stanno trascurando una tragedia enorme che ha colpito non solo Roma, ma l’intera comunità nazionale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giuseppe 25 ottobre 2018

    anche per desirèe diciamo “grazie” alle risorse boldriniani e dei vari sinistroidi finti buonisti inconcludenti……. N.B. sono un ex PD

  • Michele Tampier 25 ottobre 2018

    Dr. Gasparri, mi meraviglio che non sia stato informato che, lo stabile fatiscente, sia di proprietà di un una SRL targata Veltroni e quindi, a priori, non sta bene parlare pubblicamente degli affari dei proletari intoccabili per antonomasia……………

  • fabio dominicini 25 ottobre 2018

    Innanzitutto sono perfettamente d’accordo sulla castrazione chimica e sulla immediata espulsione.
    A parte ciò se questi orribili delitti avvengono ed aumentano dobbiamo ringraziare :
    I governi che hanno permesso e favorito l’immigrazione clandestina, i veri o falsi buonisti, che la sostengono, tutti coloro che lucrano su questa immigrazione organizzata fin dai villaggi africani, quali Ong , cooperative sociali di sinistra sorte come funghi, le associazioni cosiddette umanitarie che si riempiono le tasche alloggiando gli immigrati in case private ed alberghi, coloro che sfruttano la manodopera illegale per pochi euro al giorno, lo Stato che non provvede a rimandare al paese natio chi non ha diritto di restare ( Tunisia, Marocco, Senegal e tanti altri stati africani non sono in guerra … !) e che non abolisce i tre gradi di giudizio accelerando le pratiche di riompatrio, le autorità che emanano i ridicoli decreti di espulsione , che non vengono mai rispettati e ringraziamo anche il Presidente Mattarella , che non pone freno a simile andazzo ed anche il Santo Padre che predica continuamente l’accoglienza quando questa non è più possibile.

    • Gino Vercesi 26 ottobre 2018

      a proposito della povera Desirèe – Roma – e della povera Pamela – Macerata-

      uccise tragicamente da individui – risorse, secondo la povera Boldrini….che non sarebbero dovuti essere presenti nel ns. territorio

      ancora una volta risulta che dette “risorse” sono generalmente “pregiudicati” , ma chissà perché ad un certo punto ancora liberi di circolare….
      non sono d’accordo per la castrazione chimica che renderebbe il RISORSA più cattivo e vendicativo….!
      ritengo sarebbe risolutivo il metodo “Geronimo”…… :
      quando gli Inglesi arrivarono in America , gli Indigeni ovviamente
      istintivamente si opposero alle pretese di civilizzazione ( …degli Inglesi…. !…. dopotutto invasori….) che li obbligavano a subire le arroganze dei
      sedicenti civilizzatori….e cercarono – nel limite delle loro possibilità e con le scarse disponibilità di armi serie …e di mezzi – di opporsi

      quindi , chi guidati dal grande Geronimo , si diedero da fare al fine di cercare di eliminare l’intrusore con le “armi”
      che possedevano : il coltello …..sopra tutto ,con cui erano maestri , ed arco e frecce……e sopratutto…astuzia e fegato…!

      Così che capitò che negli accampamenti degli Inglesi , al mattino si trovassero molti “bianchi” con la gola tagliata perché
      la notte “Qualcuno” con coraggio si era intrufolato nelle tende ed aveva compiuto il “lavoro”…………….. !

      Questo Qualcuno era un indigeno che NON aveva paura ed era determinato nel difendere il suo territorio , ovvero
      AVEVA LE PALLE … !!!!!!!!!!

      Ecco, ora mi sento di poter sostenere che infine qui abbiamo bisogno di gente … CON LE PALLE….che compiano il lavoro
      e facciano trovare al mattino qualche risorsa non più in condizioni di nuocere…..
      Le altre risorse ,essendo infine solo bestie – con il dovuto rispetto per gli Animali… – e vigliacchi, non si renderebbero più
      disponibili ad esporsi con azioni che li vedrebbero solo….distesi….

      Siete d’accordo ?

      Una Nota : ma i Questori a cosa servono ????
      sono al corrente della presenza di individui che non fanno alcunchè,
      che vivono (?) in luoghi ove regna il degrado,
      delinquono…..

      ed i Questori non intervengono… ?????

  • Gino Vercesi 25 ottobre 2018

    …ma Dott.Gasparri…., il Questore che ci sta a fare ..????

  • Pier Giorgio Puppini Martini 25 ottobre 2018

    Nulla da fare perchè sarà sempre così in quanto i delinquenti nostrani e stranieri posso fare quello che vogliono. Se catturati e processati dopo poco tempo saranno liberati e rifaranno ancora quelli che vogliono per il protezionirmo loro accordato. Dovrebbero essere rimpatriati per scontare la pena nel loro paese: in questo modo capiranno che in Italia non è possibile fare quello che si vuole.

  • Brigante nero 25 ottobre 2018

    Fanno più danni gli incapaci che i terremoti.

  • amerigo 25 ottobre 2018

    Forza Boldrini, Fiano, Bosky, Renzi & kompagni: quale occasione per rigurgitare di nuovo contro il fascismo? Gli assassini di Desiréè e Pamela hanno la pelle NERA, quindi sono fascisti. . .Oppure no?

  • Pier Giorgio Puppini Martini 25 ottobre 2018

    Nulla da fare,sarà sempre peggio perchè bisogna sempre proteggere solamente i delinquenti ormai liberi di sfogare i loro bestiali istinti:

  • antonio 25 ottobre 2018

    la stampa e la tv deve stare attenta a non farsi comprare, troppa gente beve le loro stupidate …bisogna essere modesti e fare l’interesse del Paese che il Paese siamo tutti noi compresi loro che non lo se lo ricordano.

  • ADRIANO AGOSTINI 25 ottobre 2018

    Non sono molto spesso d’accordo con Gasparri, anzi quasi mai, ma questa volta sono perfettamente d’accordo. Si è ripetuto il caso di Pamela a Macerata. Una ragazza sconsiderata va a cercare la droga, gliela danno e poi la stuprano. Ovviamente sempre e solo immigrati africani. Ci vogliono pene veramente esmplari, non meno di 20 anni a testa.

  • eddie.adofol 25 ottobre 2018

    GASPARRI HA RAGIONE DA MORIRE CERTI GIORNALI E TV DI STATO E PRIVATE CHE BANALIZZANO SULLA MORTE DI DESIREE E ALZANO POLVERONI QUANDO LE VITTIME SONO CLANDESTINI AFRICANI E ARABI E ROM – SAREBBE DI FAR CHIUDERE QUESTI GIORNALI E TV DI STATO E TV PRIVATE.

  • 25 ottobre 2018

    E arrivato il tempo di pulire Roma non si può permettere più degrado!! Immigranti criminali, ROM senza soggiorno, drogati, FUORI!!! E la peggio capitale di Europa..la Raggi si dovrebbe vergognare per la sua incapacità….se avesse rimorso lascerebbe la posizione di Sindaco….incapace!!!

  • In evidenza