Desirée, Anpi senza vergogna: a San Lorenzo contro i “fascisti”. Meloni: «Allibita»

sabato 27 ottobre 17:31 - di Ezio Miles

A San Lorenzo va in scena l’ultima vergogna dell’Anpi.  I “partigiani” si sono dati appuntamento nel quartiere del supplizio della povera Desirée, non per protestare contro la violenza alle donne, ma contro le “strumentalizzazione i” fasciste. Roba da non crederci.  “Abbiamo preso questa piazza, assieme al movimento femminista e alle associazioni del quartiere di San Lorenzo, perché non tolleriamo più strumentalizzazioni di chi reagisce ai delitti, come quello della giovane Desirée, solo quando l’aggressore è straniero”, dichiara il Presidente Anpi di Roma, Fabrizio De Sanctis. “Esprimiamo solidarietà alla famiglia della giovane ma non accettiamo le strumentalizzazioni dei movimenti di destra, di cui auspichiamo lo scioglimento, e neanche della politica”.

La discesa in campo dei “partigiani” non è piaciuta per nulla al presidente dei Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Che su Twitter ha scritto: «L’Anpi oggi in piazza a San Lorenzo. Per chiedere giustizia per Desirée, ammazzata e stuprata da un gruppo di immigrati? Ma no, contro la “deriva fascista”. Sono allibita».

 Intanto, un gruppo di alcune decine di militanti di Forza Nuova, guidato dal leader nazionale Roberto Fiore, è partito dalla sede della formazione di estrema destra per una camminata in direzione San Lorenzo, per manifestare in memoria di Desirée Mariottini. Al termine della passeggiata si svolgerà un presidio a piazza di Porta Maggiore. Prima di partire ai militanti è stato rivolto un appello dai dirigenti del partito di “attenersi alle indicazioni ed evitare cori ed iniziative personali”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pino1° 28 ottobre 2018

    Ormai è da tempo che l’ A-genzia N-azionale P-rovocatori I-nfiltrati dei centri sociali fanno le stesse cose dei tempi di Peppone e don camillo ! Chissà dove avranno nascosto l’arsenale e lo schermann!
    Vedo i fazzoletti con la scritta sociale anticipata da una stella che dovrebbe essere rossa non dorata.

  • Roberto 28 ottobre 2018

    Il problema serio,,e che prendono contributi e sovvenzioni dallo stato,,,sti quattro sciancati!,

  • Lilia 28 ottobre 2018

    Se ci fosse un governo con le palle, questi assassini dovrebbero stare in galera.

  • Salvatore Scano 28 ottobre 2018

    Togliete i finanziamenti milionari all’A.N.P.I. e vedrete che si scioglieranno come neve al sole

  • Paolo 28 ottobre 2018

    Ma se sono stalinisti, non converrebbe trattarli come tali?
    Trattamento: proposte che non si possono rifiutare ! Così come il georgiano trattò gli avverssri politici e i dissenzienti come nemici da…proposta che non si può rifiutare….!!!!! In tal modo imparerebbero a….vivere in eterno; tanto più che stalin é universalmente considerato
    come uno dei capi di stato più dotato di spiccatissima efferatezza criminale e crudeltà. Comunque, a parte ogni considerazione , certamente costoro , se vrnissero affrontati in maniera energica e determinata, scapperrbbero velocemente con la cacca nelle mutande..
    Inoltre costoro sono certamente persone insignificanti che manifestano e esprimono concetti e idee ormai inutili e peraltro faziose che lasciano il tempo che trovano e caratterizzate da estremo disgusto; tutta roba patrimonio di gente inutile.

  • Giovanni Vuolo 28 ottobre 2018

    UNA VERGOGNA SENZA FINE. !!!!!!!!!!! SE LA POTEVANO RISPARMIARE: ALMENO DI FRONTE AD UNA BAMBINA TRUCIDATA, AVREBBERO POTUTO EVITARE LE SOLITE SCENEGGIATEM CHE ORMAI HANNO STANCATO TUTTI GLI ITALIANI DI BUON SENSO.

  • antonio 28 ottobre 2018

    quando passa la purezza delle idee e la genesi delle stesse, per madre natura il resto si chiama BASTARDO. questo sono, gli altri sono morti.

  • vittorio 28 ottobre 2018

    ma loro di cosa hanno da vantarsi ? ma che c’entra con i partigiani gente che è nata anche dopo la guerra e che fa parte del “sodalizio” per godere dei contributi statali a quello? possono vantarsi forse degli oltre 50.000 omicidi nel triangolo rosso dopo la cosiddetta liberazione che peraltro fu fatta col sangue di americani, polacchi, inglesi ecc. sepolti nei cimiteri di anzio, montecassino ecc. dei quali nessuno di loro si ricorda mai ?

  • RICCARDO AMARA 28 ottobre 2018

    Portate rispetto per questa povera ragazzina ….
    Le vostre minchiate politiche sbrigatevele a porte chiuse …

  • Brigante nero 28 ottobre 2018

    Finita la frutta sono all’amaretto.Stop finanziamenti alle associazioni politicizzate e poi come questa che rinfocola odio.Solo per captare qualche voto che non c’è più.

  • lucio 28 ottobre 2018

    Un’associazione SERIA dovrebbero far parte solo componenti che hanno esercitato in quella specifica categoria, nell’ANA associazione nazionale alpini, accettano solo chi è in possesso del congedo militare da alpino, altrimenti tutti ne potrebbero far parte, questo governo dovrebbe minacciato da tutti a suon di suon di spread dovrebbe rivedere il finanziamento a sta gente inutile alla nazione

    • Giovanni Marchetta 28 ottobre 2018

      Concordo pienamente Lucio. All’ ANPI fanno parte cani e porci, gente che neanche sa cosa siano i partigiani, ma siccome fanno parte della sinistra , tutto fa brodo.

  • Anna 28 ottobre 2018

    Ma questi emeriti IMBECILLI DELL’ANPI (associazione che non ha più alcun motivo di esistere, partigiani di cosa??? Il fascismo è morto da decenni , e i partigiani di allora sono ormai morti e defunti), quindi questa è un’associazione inutile che non ha alcun motivo di esistere, se non quello di lucro e di voler continuare a promulgare idee sballate , che fanno comodo ai “sinistri” , e una realtà anch’essa morta e defunta!!!

  • Me 28 ottobre 2018

    A fronte di una tragedia di una “bambina” violata e uccisa muoversi per strumentalizzare a proprio vantaggio la situazione ,qualifica l’Anpi piu’ di ogni commento.
    Non c’è nessuno in quella associazione che abbia la sensibilità e l ‘intelligenza di capire e tacere.?

  • Pompeo 28 ottobre 2018

    L’ anpi è una squallida congrega che semina odio e divisione sventolando la bandiera dell’antifascismo che non c’ e’da70 anni ma tenendosi ben stretta quella del comunismo ben più pericolosa ed attuale! Basta con queste pseudo associazioni bisognerebbe scioglierle per legge

  • pietro meucci 28 ottobre 2018

    E’ incredibile di come possa spappolare i cervelli l’ideologia komunista !

  • 28 ottobre 2018

    La guerra è finita da 75 anni e di partigiani veri non ce ne dovrebbero essere;quindi che si sciolga la predetta associazione ANPI che serve solo a ricevere soldi dallo stato.
    Inoltre che si faccia piazza pulita di tanti parassiti e facinorosi che alimentano la malavita e quindi la distruzione della vita comune sana e retributiva.

  • Fabio 28 ottobre 2018

    MA vi rendete conto ? Ma di che parliamo ? Ancora comunistacci che invece di prendersela coi governi passati di sinistra che hanno reso l’Italia una pattumiera con l’aiuto dei magistrati adesso con la faccia come il sedere , danno la colpa ai fascisti ? Rimango allibito come un popolo possa andare avanti non rendendosi conto che sia la chiesa che le istituzioni dovrebbero radiare tutti i coministi esistenti con la scomunica della chiesa !!!

  • Alessandro Caroli 28 ottobre 2018

    C’è poco da essere allibiti. Sono gli eredi di quei criminali che – a guerra finita – andavano a cercare i presunti fascisti, ex anche persone affatto innocenti, come il seminarista riminese Rolando Rivi, per ammazzarli spesso con gli stessi metodi di queste bestiè. È quindi ovvia una manifestazione di questo tipo. L’ANPI non è altro che una combriccola di stalinisti che si comportano come hanno appreso dal loro maestro georgiano.

  • Andrea Touros 28 ottobre 2018

    Ipotizziamo che un partigiano medio, nel 1945, avesse 18 anni. E consideriamo che dalla fine della guerra sono passati 73 anni. OGGI i partigiani che manifestano dovrebbero avere 91 anni, quando va bene. Le manifestazioni dell’ANPI sono solo un altro imbroglio dei soliti.

    • Leo Grellede 28 ottobre 2018

      Esatto. Solito liquame comunista che fa delle balle partigiane la propria storia fondativa. Su balle!

  • Giuseppe Forconi 28 ottobre 2018

    Anpi, Anpi,…. ma volete togliervi di una volta dalla faccia della terra?? Cercate un lavoro, andate a lavorare e smettetela di vivere come dei parassiti sulle spalle di chi lavora, smettetela e fatela finita con questa stonata musica del fascismo, qui si tratta di giustizia non di fascismo, siete semplicemente dei pazzi o cani sciolti alla ricerca di un osso, chiaro il vostro osso ormai super spolpato e’ il fascismo ma voi continuate a rosicchiarlo. Datevene una ragione, il fascismo non c’e’ piu’, c’e’ solo una destra contraria alla sinistra,. e’ solo politica, poi se non vi sta bene potete pure andare tutti in blocco a fare…… quello che avreste dovuto fare 70 anni fa. Buon viaggio.

    • Giuseppe Forconi 28 ottobre 2018

      Cortesemente Redazione, potete farne avere una copia ai dirigenti ANPI ? Grazie.

  • 27 ottobre 2018

    Ve lo detto fanno SCHIFO!!! Questa è la seconda generazione di scrocconi!!

  • Gioman 27 ottobre 2018

    70anni di religiosa tirannia kattokomunista hanno partorito milioni di italioti kattokomunisti che, servi del satanico NWO, operano per meticciare e distruggere questo stato.
    Ė ora che gli ITALIANI si diano una svegliatina o questi italioti kattokomunisti ci porteranno all’inferno.

  • Caesar 27 ottobre 2018

    anpi senza vergogna, i veri partigiani si staranno rivoltando nelle tombe

  • Giuseppe Tolu 27 ottobre 2018

    Ancora quest’anpi in mezzo alle barbabietole? Ma che di aspetta a dichiararla fuorilegge, i partigiani non esistono più e ancora si continua a e foraggiare quest’associazione. Facesse qualche cosa di buono almeno, cosa che, a qui comunque, non credo

  • Claudia 27 ottobre 2018

    Mi sembra che abbiano fatto la stessa cosa, la stessa identica cosa. Forse sarebbe veramente il caso di smettere di usare la morte atroce di una ragazzina per i propri scopi politici. Ricordiamoci che aveva 15 anni, 15 anni lasciatela in pace. Inoltre mi congratulo con l’associazione partigiani, se non erro dovrebbero essere più o meno tutti sopra i 90 anni ,che vitalità. E se non sono stati partigiani non dovrebbero avete il diritto di chiamarsi cosi.

  • In evidenza