Si candida con Salvini, calciatrice viene messa fuori squadra

lunedì 15 ottobre 12:44 - di Augusta Cesari

Messa fuori rosa perché candidata, al Consiglio comunale di Marano, in una lista di centrodestra. E’ la storia di Titty Astarita, calciatrice nonché capitana della formazione femminile dell’Afro Napoli. La calciatrice è stata invitata dalla dirigenza multietnica a ritirare la candidatura a sostegno di Rosario Pezzella, candidato sindaco a Marano supportato da Mcm (la lista in cui è candidata Astarita) e la Lega, pena l’esclusione dalla squadra.

Le compagne di squadra hanno solidarizzato con la capitana e domenica si sono rifiutate di scendere in campo, in segno di protesta, nella gara di Coppa Campania che si doveva tenere ad Agnano, come leggiamo sul Mattino di Napoli. I dirigenti dell’Afro Napoli ritengono che la candidatura di Astarita, alleata alla Lega, cozzi con i principi ispiratori del club, che da anni apre le porte ai calciatori extracomunitari. A vacillare, con questa presa di posizione paradossale, sono i principi stessi dello sport, che non dovrebe creare ghetti, ma ponti, integrazione. Infatti non sono mancati, in queste ultime ore, gli attestati di solidarietà nei confronti della calciatrice, già in passato consigliera comunale a Marano a supporto di un sindaco forzista. «Visto che la nostra società sposa un progetto politico diverso dal mio – ha spiegato  la Astarita a Canale 21 – ha deciso di mettermi fuori squadra qualora io non ritirassi la mia candidatura. Ho ricevuto la solidarietà di tutta la mia squadra, che ha deciso di non scendere in campo. Faccio un appello alla società e agli organi competenti affinché questa situazione si possa risolvere. Il calcio deve restare fuori da ogni colore politico, deve essere solo divertimento».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi