Brescia, al consiglio di quartiere il candidato col kalashnikov crea allarme in città

mercoledì 31 ottobre 14:46 - di Redazione

Una foto su Fb in cui è in posa imbracciando un kalashnikov: un’immagine poco rassicurante che Talat Chaudhry Doga, di origini pachistane, candidato al consiglio di quartiere di Brescia di via Cremona, deve aver dimenticato di cancellare. Nonostante le sue pose bellicose, Doga intende rappresentare gli stranieri della sua zona con il seguente programma: parità di trattamento in tutti gli uffici pubblici, la possibilità di avere dei mediatori culturali negli ospedali per aiutare le donne, l’assistenza alle persone per le pratiche burocratiche e pure la costruzione di un ufficio dove il candidato possa ricevere e ascoltare le esigenze dei residenti del quartiere. I carabinieri hanno sottolineato tuttavia, a proposito dello scatto che ha destato allarme e polemiche,  che potrebbe anche trattarsi di un rituale tipico dei matrimoni pachistani, dove gli uomini si fanno ritrarre mentre imbracciano i famosi Ak-47. La deputata leghista Simona Bordonali è intervenuta sul tema  con un post molto polemico su Fb: “Brescia multietnica e multiculturale!!!! Se il consiglio comunale avesse accolto le proposte della Lega, questo “signore”, nuova risorsa del PD non si sarebbe potuto candidare. Chiederemo l’esclusione dalle liste elettorali!!!“.

 

 
 
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro Garlaschelli 1 novembre 2018

    …fascismo???… se nn avessi 11Nipotini a cui pensare ed a cui rendere conto ora e soprattutto tra qualche anno…io… che sono totalmente pacifista ed affatto razzista… per colpa di questi delinquenti…
    e dei putridi d******* comunisti…falsi più del diavolo…sarei già diventato… nazista…

  • Pino1° 1 novembre 2018

    Se fosse un’italiano apparso con quella foto, le folle tumultuanti dei centri sociali, dell’Azienda-Noti-Provocatori-Infiltrati, degli exstrastrrrr di sinistra e tutto il mondo delle insegnanti sconvolte, degli antifa’,dei verdi anti-armi,dei mantenuti dal popolo italiano finti poveri, sussidiati, compagnia giovani lavativi e negri al seguito con i pretonzoli che portano in piscina i maschioni che gli fanno luccicare gli occhi, dimenticato qualcuno? Aggiungo se me ne accorgo.. a, si si il pd ma solo perché se passa quello con l’Ak rimangono fuori loro…. ettepareva, a tutti questi nobili e disinteressati possessori di anime pure un bell’annatevelo a pià n’der ……. si può mettere se chi mi ospita non mi censura ?

  • Leonardo Corso 1 novembre 2018

    Rispedite questi malati di mente a casa loro- Basta ecco perche la gente tra poco voterà il fascismo di nuovo.

  • sleipnir 1 novembre 2018

    eh si ma loro fanno il c**** che vogliono…

  • In evidenza

    contatore di accessi