Bolzano, effetto Boschi: il Pd perde 10 punti. Il web ride: «Qui non leggono Maxim…»

lunedì 22 ottobre 14:20 - di Redazione

Il clamoroso successo della Lega e il tracollo del Pd sono evidenti, dalle analisi del voto in Alto Adige, dove – allo scontato pieno di voti della Svp – fa seguito il boom del Carroccio e anche un passo falso del M5s. La Svp vince le elezioni in Alto Adige con il 41,9%, con il governatore Arno Kompatscher, a seguire il Team Koellensperger (un fuoriuscito del M5S) con il 15,2% e la Lega all’11,1%. Malissimo il Pd (3,8%) e il M5S (2,4%).

Ma il dato a margine è quello che riguarda Renzi e la sua decisione, sei mesi fa, di paracadutare alle Politiche Maria Elena Boschi a Bolzano in un collegio blindato, grazie al sostegno proprio degli amici della Svp: quella volta l’ex ministro delle Riforme ottenne un buon risultato, grazie alla spinta degli autonomisti, stavolta ha trascinato giù entrambi i partiti. A questo giro la Lega si è guadagnata la prima posizione, con il 27,8% dei consensi, la Svp è scesa dal 22,2% al 16,6% e il Pd dal 22,2 al 12,2%.

«È innegabile il clamoroso successo della Lega – ha amemsso il segretario Pd Alessandro Huber – auspico che il Pd possa sedersi a un tavolo con i Verdi e Team Koellensperger per unire le forze e sottoporre una proposta politica alla Svp». Però… «Il Pd a livello locale comunque tiene, anche se la Lega ora è il primo partito dell’elettorato di lingua italiana». Tiene il Pd? Dieci punti in meno?

«Estrema soddisfazione», è invece il vice premier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini. «Sono le prime elezioni dopo la formazione del nuovo governo, elezionivere e non sondaggi. Il voto nelle due province autonome è un risultato mai raggiunto nella storia della Lega, è un dato che riempie di emozione e di gioia. Il dato eclatante è che con la cura Letta, Renzi, Gentiloni, Martina il Pd scompare da Trento e Bolzano», aggiunge.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • stefano 24 ottobre 2018

    sempre io, ma se ne stesse in toscana a rompere le balle

  • stefano 24 ottobre 2018

    poveraccia

  • mario boscolo 24 ottobre 2018

    Ormai sono finiti. La boschi è stata votata truffando i cittadini, come sempre. Adesso sono di fronte alla realtà e non è quella che vorrebbero loro. Credo che per il pd sia giunta l’ora di espatriare, dato che in italia hanno esaurito il credito e le loro malefatte sono ormai a conoscenza di tutti.

  • Mauro Garlaschelli 24 ottobre 2018

    …Grazie Splendida Femmina…di esistere… e con quello Stupendo Stacco di Cosce… di averci fatto vincere… a noi della LEGA… ed aver distrutto i pdiarreotici…Bacissimi dappertutto…

  • Roberto de Rubertis 23 ottobre 2018

    La Boschi un bidone del PD

  • amerigo 23 ottobre 2018

    Si può azzardare che la Bosky (Made in Germany) ha il “tocco della Medusa. . . . . .

  • franco prestifilippo 23 ottobre 2018

    Come al solito nella blindatura appare l’usura del …tempo! Pinocchietto pur di salvare il salvabile non ha tenuto conto dell’intelligenza altrui!!!!

    • mario boscolo 24 ottobre 2018

      Forse perchè è convinto di essere intelligente solo lui. E’ un vecchio difetto dei sinistroidi essere convinti di custodire la verità al di sopra di tutti i popoli e di tutte le culture. Questo li ha distrutti, la loro infinita presunzione.

  • Ben Frank 23 ottobre 2018

    Diciamoci la verità: a parte la ridicola mossa di piazzare in Alto Adige la Maria Etrurien Wälder, ai togninen poco piacere s*******, loro sempre molto Arbeit macht frei e fare quattrinen, per cui il numero degli abitanti di lingua tedesken si riduce con il tempo. Se poi si considera, che anche molti ladini e italofoni si dichiarano, per pura convenienza, appartenenti al gruppo etnico tedesco (razzismo costituzionale?), il problema dell’italianizzazione del “Tirolo meridionale” lo risolverà la demografia e agli adoratori dei terroristi alla Klotz verrano a mancare gli elettori…

  • In evidenza