Beccata (e arrestata) con 15 Kg di marijuana nel trolley: è una richiedente asilo nigeriana

venerdì 19 ottobre 12:29 - di Redazione

Fermata a Padova durante un controllo è stata trovata in possesso di 15 kg di marijuana: arrestata, è risultata essere una richiedente asilo nigeriana. Per giustificare il loro esodo sostengono di fuggire da guerre, carestie, persecuzioni: per la stragrande maggioranza dei migranti sbarcati nei nostri porti e accolti nelle nostre città, però, è ormai arcinoto che non è proprio così, anzi. E a testimoniarlo – confutando fughe bibliche da catastrofi e scenari bellici – interviene ormai quotidianamente la cronaca che, registrando un fenomeno in esponenziale e inquietante aumento, denuncia ormai quasi all’ordine del giorno il fermo in flagranza di reato di richiedenti asilo beccati a spacciare: l’ultimo in ordine di tempo il caso di Padova citato in apertura.

Aveva 15kg di marijuana nel trolley: è una richiedente asilo nigeriana

O sarebbe meglio dire l’ultima: già perché la richiedente asilo che in attesa dei documenti e dei diritti (con benefit annessi) previsti dallo status di richiedente asilo è una donna, una giovane nigeriana appena 26enne che, come riporta in queste ore il sito del Giornale, è stata «identificata successivamente dalle forze dell’ordine come Paul Deborah, titolare di permesso di soggiorno per richiedenti asilo rilasciato dalla Questura di Roma». A quanto fin qui ricostruito, la donna sarebbe stata avvicinata dagli agenti della squadra mobile di Padova durante un normale controllo del territorio: la città veneta, del resto, è particolarmente interessata da una massiccia presenza di stranieri nelle cui mani risulta concentrato – come testimoniato da numerosi reportage giornalistici proposti, tra gli altri, soprattutto da Striscia la notizia – un intenso traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Anche per questo, allora, l’atteggiamento particolarmente contratto dalla donna che, all’avvicinarsi degli agenti, ha cercato nervosamente di recuperare il trolley che aveva con sé e di allontanarsi, ha insospettito le forze dell’ordine che l’hanno bloccata tempestivamente mentre cercava di salire su un bus e di allontanarsi frettolosamente. Perquisito il bagaglio, gli uomini della Mobile hanno trovato e sequestrato 15 kg di marijuana. Subito dopo la richiedente asilo è stata arrestata con l’accusa di spaccio.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Anna 22 ottobre 2018

    E adesso, sicuramente, uscirà il solito giudice con toga rossa, che più rossa non si può, che appellandosi anche al fumo della.pipa che sosterrà che questa GRANDE RISORSA DI BOLDRINIANA MEMORIA, SI DEVE PUR SOSTENTARE IN MANCANZA DI LAVORO E QUINDI LA RIMETTERÀ SUBITO IN LIBERTÀ, CON L’UNICO RISULTATO CHE LA NIGERIANA CONTINUERÀ AD INGROSSARE LE FILA DEGLI SPACCIATORI E PROSTITUTE NIGERIANE!! GRAZIE PD E FORZA ITALIA!!!

  • Antonio 20 ottobre 2018

    Per una nigeriana pizzicata dagli Agenti della squadra mobile che in pochi giorni sarà di nuovo in giro a spacciare grazie a qualche magistrato buonista, quanti continueranno a farlo impunemente. Non dimentichiamoci che ci sono in circolazione centinaia di migliaia di clandestini che sfuggono ad ogni controllo delle Forze di Polizia.

  • Lilia 20 ottobre 2018

    Poteva anche andare sulla statale 11, invece di spacciare morte.

  • alberto 20 ottobre 2018

    Ecco un’altra “risorsa” della “boldrina”! Ma come hanno fatto i comunisti ad eleggerla Presidente della Camera e con quali “meriti”?

  • Lisetta Serra 20 ottobre 2018

    Abbiamo tanti delinquenti nostri che vogliano dare asilo anche agli extracomunitari! Basta! Che rimangano solo chi ha un lavoro serio e aiuta il nostro paese. Tutti gli altri nullafacenti, prostitute, delinquenti a casa loro

  • abramo de angelis 20 ottobre 2018

    Tranquilli tanto lo trova il giudice che la scarcera e perdona per necessita’ di vivere. Non gli faranno niente statene certi.

  • 20 ottobre 2018

    Meditate, meditate gente, il lavoro se non lo trovi, lo devi inventare; essendo disoccupata, va lasciata libera. Questo è il nostro futuro, così affermavano alcuni politici, qualche mese addietro.

  • eddie.adofol 20 ottobre 2018

    le risorse del PD e della Boldrini Grazie PD e Forza Italia.

  • BONIFACIO picardi 19 ottobre 2018

    CHE PROBLEMA C’è ADESSO I GIUDICI LA LASCERANNO LIBERA ADDUCENDO CHE ERA PER USO PERSONALE

    • Giuseppe Forconi 20 ottobre 2018

      o forse era necessaria per il suo lavoro come mantenimento della famiglia. Altronde deve pur lavorare.

    • Gianca 20 ottobre 2018

      No uso personale, come per altri dirà che gli serviva venderla per sostentamento e mantenere la sua famiglia….giustamente loro possono!!!

    In evidenza