Vicenza, evaso serbo uccide la moglie e si spara con la stessa pistola

venerdì 7 settembre 15:03 - di Eugenio Battisti
Rintracciato dalla polizia si è sparato davanti agli agenti con la stessa pistola con la quale aveva ucciso la moglie. È finita così la fuga di Zoran Luivanovic, 40 anni, serbo che, dopo aver ucciso la moglie Tamiya in strada con vari colpi di pistola nella zona industriale di Lonigo, in provincia di Vicenza, aveva fatto perdere le sue tracce. Il killer, rintracciato nell’area di servizio di Arina (Venezia) dell’autostrada A4, ha rivolto contro di sé la stessa arma che aveva usato poco prima per assassinare la donna. L’uomo era evaso lo scorso luglio dagli arresti domiciliari, misura disposta dall’autorità giudiziaria per violenze contro la moglie di 33 anni. I medici che sono intervenuti hanno tentato di tenerlo in vita e hanno deciso il trasferimento in elicottero all’ospedale di Padova. Ma i soccorsi si sono rivelati inutili.
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi