Via agli sgomberi, il Campidoglio prepara la lista nera: i primi immobili da liberare

lunedì 3 settembre 16:24 - di Redazione

Via agli sgomberi e stop alle occupazioni arbitrarie di immobili. L’ordine che giunge dal Viminale pone i presupposti per il ripristino della legalità nelle aree urbane e anche per un autunno bollente in cui si prevedono conflitti tra occupanti e forze dell’ordine.

Anche a Roma, come riferisce Repubblica.it, si sta mettendo a punto una graduatoria delle priorità, valutando quali siano le situazioni sulle quali occorre intervenire quanto prima. Prima di procedere allo sgombero vero e proprio, tuttavia, dovranno essere fornite agli occupanti alternative non negoziabili.

“Il Comune a trazione grillina – scrive Repubblica.it – non si è fatto trovare impreparato: la prima offerta è già pronta e sarà presentata agli 80 occupanti del palazzo in via Carlo Felice 69. Lo stabile a due passi dalla basilica di San Giovanni è di proprietà di Bankitalia. Vuoto dal 1989, è abitato dal 2004 da 24 famiglie”.

Tra gli altri stabili da liberare subito dopo c’è quello di via del Policlinico 137. E ancora lo stabile in via Raffaele Costi a Tor Cervara, l’ex fabbrica di penicillina in via Tiburtina e l’ex sede dell’Inps in via Tuscolana.

Ovviamente c’èchi già soffia sul fuoco, come il presidente Anci Antonio Decaro (Pd): secondo Decaro con le nuove regole del Viminale ad ogni sgombero si rischiano le tensioni sociali che si registrarono lo scorso anno a Roma con lo sgombero del palazzo occupato in via Curtatone e i successivi scontri in piazza Indipendenza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Jolanda C. 4 settembre 2018

    E lo stabile dell’Inpdap, ex ENPAS, di Via Santa Croce in Gerusalemme 55?
    E’ ridotto in uno stato incredibile da una invasione selvaggia.
    Una lurida bidonville di sette, otto piani…..spero che nell’elenco degli sgomberi appaia presto anche questo povero palazzo occupato ormai da anni.

  • Pino1° 4 settembre 2018

    Nei comuni in cui il sindaco è un grillino questi sono eventi (le occupazioni senza ostacoli) sollecitati ! Una buona parte dei loro voti derivano dalle varie frange comunistoidi/anarcoidi ben appoggiate presso i centri sociali e bandiere rosse al vento con qualunque stronz*** scritta sopra non conta, purchè siano rosse ! Ora vediamo il livornese (si fa per dire) che invia un emissario ad aiutare la raggi!, vediamo quanti voti ci lascia alle prossime elezioni ! Mi sa ma anche livorno dopo oltre settant’anni ammaina la bandiera e tipo di sindaco ! Prefetto permettendo ovviamente, già !

  • Piermario Luati 3 settembre 2018

    Intendo dire che chi non ha un contratto di affitto regolare ,deve essere sgomberato!

  • Piermario Luati 3 settembre 2018

    Chi non paga un mutuo o ha un contratto di affitto regolare deve essere sgomberato,salvo casi di vera necessità.Forse che noi che paghiamo siamo più fessi degli altri?Grande Salvini era ora.

  • In evidenza

    contatore di accessi