Trump mette l’eroe di “Black Hawk Down” a capo delle truppe in Afghanistan (video)

domenica 2 settembre 12:41 - di Laura Ferrari

Il generale Scott Miller ha assunto oggi il comando delle forze Usa e Nato in Afghanistan, al termine della cerimonia di avvicendamento a Kabul con il comandante uscente, il generale John Nicholson. “Dovremo prendere delle decisioni difficili”, ha detto Miller, aggiungendo che la pressione militare sarà necessaria per creare le condizioni sul terreno per la riconciliazione politica nel Paese. Miller in precedenza ha guidato il Joint Special Operations Command (JSOC), il comando che sovrintende alle missioni delle unità di elite, come il Team Six dei Navy Seals, che nel 2011, prima del comando di Miller, fu protagonista del raid in Pakistan dove fu ucciso Osama Bin Laden.

Scott Miller, da Mogadiscio all’Afghanistan

Miller è stato anche comandante della Delta Force e comandante delle forze sul terreno nella battaglia di Mogadiscio del 1993, raccontata nel libro e nel film “Black Hawk Down”. In quell’occasione venne decorato con la Bronze Star. Sotto il suo comando in Afghanistan, inquadrati nella missione Resolute Support, si trovano 16mila militari Nato e 14mila militari Usa. La missione Nato si concentra principalmente sull’addestramento e l’assistenza alle forze afghane. L’arrivo di Miller in Afghanistan giunge ad un anno dall’annuncio del presidente Donald Trump di una strategia militare più aggressiva, nonostante da allora i talebani abbiano aumentato la loro pressione militare in tutto il Paese.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Francesco Ciccarelli 2 settembre 2018

    Nel film ”Black Hawk Down” i militari a stelle e strisce mostrarono tutta la loro stupidità: progettavano di catturare il caporione Aidid senza capire che i loro preparativi avevano già messo in guardia i ribelli somali, che tesero un agguato agli incursori americani. Nella realtà i diverbi fra i «Rambo» di Washington e i consiglieri di Roma, più lucidi e razionali, si conclusero con l’avvicendamento del generale italiano (se non erro, era il gen. Loi), rimosso per le pressioni d’oltreoceano, dove non avevano dubbi sulla strategia da seguire. Poi, dopo l’abbattimento dei loro elicotteri, gli Americani abbandonarono in fretta la Somalia! Si saranno resi conto dei loro sbagli?

  • In evidenza

    contatore di accessi