Tempi duri per i centri sociali: il Viminale prepara gli sgomberi in tutta Italia

domenica 2 settembre 11:21 - di Guido Liberati

Con una circolare inviata ai prefetti, ai commissari per le province autonome di Trento e Bolzano e al presidente della Regione Valle D’aosta, è arrivato il giro di vite del Viminale contro le occupazioni abusive di immobili che devono essere sgomberati con la «dovuta tempestività», per evitare il consolidarsi di situazioni di illegalità che possano pregiudicare la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblici. È necessario, si legge nella nota, «attendere agli sgomberi con la dovuta tempestività, rinviando alla fase successiva ogni valutazione in merito alla tutela delle altre istanze, nella consapevolezza che il consolidamento di situazioni d’illegalità possa recare un grave pregiudizio ad alcuni dei principali valori di riferimento nel nostro ordinamento».

Pugno duro del Viminale sulle occupazioni abusive

«L’occupazione degli immobili costituisce da tempo una delle principali problematiche che affliggono i grandi centri urbani del Paese», è la premessa della circolare che ricorda il decreto legge in materia del 2017, rilevando come «nonostante gli sforzi profusi da tutte le componenti del sistema, alla luce delle evidenze emerse, la gestione del tema dell’occupazione arbitraria degli immobili non ha compiuto significativi passi avanti, se non rispetto alle misure di natura preventiva rivolte ad evitare nuove occupazioni».

La circolare del Viminale

La circolare del Viminale è molto chiara anche sui controlli delle condizioni sociali ed economiche degli occupanti abusivi di immobili, anche attraverso «ogni possibile censimento degli occupanti, che deve essere condotto, nelle forme ritenute più adeguate». «Il censimento – spiega il Viminale – dovrà essere finalizzato alla possibile identificazione degli occupanti e della composizione dei nuclei familiari, con particolare riguardo alla presenza all’interno degli stessi di minori o altre persone in condizioni di fragilità, oltre alla verifica della situazione reddituale e della condizione di regolarità di accesso e permanenza sul territorio nazionale».

“Verificare che gli occupanti siano veri poveri”

Per il ministero «non possono essere sottovalutate le difficoltà che gli operatori sociali potranno incontrare nell’esecuzione dei suddetti accertamenti. Pur tuttavia tali operazioni devono essere condotte con la massima rapidità, sfruttando, ove possibile, le risultanze dei registri di anagrafe, o anche dei dati in possesso di altre pubbliche amministrazioni, nonché degli stessi Servizi sociali per quegli occupanti che già beneficiano di eventuali prestazioni assistenzial» ma «in ogni caso, potrà essere verificata la situazione reddituale dei diretti interessati e della loro rete parentale».

L’annuncio di Salvini e la firma sulla circolare

Per il Viminale «soltanto qualora all’esito dei suddetti accertamenti si abbia fondato motivo di ritenere che i soggetti in situazione di fragilità interessati dall’esecuzione dello sgombero sarebbero privi della possibilità di soddisfare, autonomamente o attraverso il sostegno dei loro parenti, le prioritarie esigenze conseguenti alla loro condizione, i Servizi sociali dei Comuni dovranno attivare gli specifici interventi», che – sottolinea il ministero dell’Interno – qualora «siano ritenuti sufficienti ed adeguati dai competenti uffici comunali, sulla base di una ponderata valutazione, avuto riguardo anche alle possibilità in concreto dell’Ente, non potranno essere considerati negoziabili». «Per tutti gli altri occupanti che non si trovano in situazioni di fragilità, invece, potrà essere ritenuta sufficiente l’assunzione di forme più generali di assistenza, da rendersi nell’immediatezza dell’evento. Ad esempio, potranno essere individuate strutture provvisorie di accoglienza ove poter collocare gli occupanti per il tempo strettamente necessario all’individuazione da parte loro di soluzioni alloggiative alternative», aggiungono nelle direttive ai prefetti dal ministero guidato da Matteo Salvini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Benito 4 settembre 2018

    Grande Salvini. Mi raccomando di ponderare bene la situazione e di lasciare le case agli Italiani poveri.

  • Babbone 2 settembre 2018

    Finalmente, mi raccomando non lesinare a DDT.

  • Piermario Luati 2 settembre 2018

    Meno male ? era ora.

  • Giovanna Botticelli 2 settembre 2018

    Grande Salvini bisogna far uscire tutti i centri sociali che occupano il patrimonio storico di Napoli per farne commercio, sono stati voto di scambio per demagistris, stanno tutti bene economicamente, anche l ateneo è occupato da Insurgenzia viene usato per feste e festini in mano a figli di papà, controlli molto accurati mostreranno imbrogli colossali

  • ANGELO AIAZZI 2 settembre 2018

    era ora che si cominciasse a tirare fuori le palle ed a incriminare sti caz di pseudo comunisti figli di papà che si atteggiano appunto a comunisti …ma sono solo barbono annoiati a lavorare e se non hanno lavoro , lavori forzati ricostruire e manutenzionare ponti come abbiamo visto serve farlo ….

  • Angela 2 settembre 2018

    Bravo Salvini:ordine,pulizia rigore.

  • Pino1° 2 settembre 2018

    Questa la vedo dura….. durissima…. i sindaci incapaci ed indolenti, specialmente quelli dei cinque stelle alla fico che hanno serbatoio voti in quella zona, insieme a prefetti & co. non sapranno cosa e come fare !!! Ci sono ville pubbliche e private e palazzi storici, anche di altissimo livello occupati e deturpati facendo finta di nulla… abbiamo centinaia di migliaia di non censiti sopratutto stranieri che comunque risolvono tutti i giorni sostenuti con i nostri soldi dal mangimificio caritas (tranquilli ci vanno con i camper) ed altri che vivono occupando permanentemente giardini pubblici, stazioni anche con la connivenza delle istituzioni, già chissà cosa dirà’ demagistris….. voglio vedere, non ci sarà da ridere per nulla con i centri terroristici sociali organizzatori delle varie sigle di occupatori organizzati da delinquenti che hanno sfondato porte a vecchietti ricoverati e via dicendo !!!! Idranti a liquido colorato, confezioni giganti di capsicum, taser (era l’ora che arrivassero appena in tempo) da ‘sperimentare’ mandateci Gabrielli và ! Autunno caaaaaldooooo ai pronto soccorso !

  • In evidenza

    contatore di accessi