Spedizione punitiva a Reggio Emilia: «Parli male di me», massacrato di botte

sabato 29 settembre 10:02 - di Massimo Baiocchi

«Devo parlarti perché ho saputo che hai parlato male di me». Era un apparente incontro chiarificatore. E invece era una vera e propria spedizione punitiva organizzata dal più piccolo di tre fratelli, oggi denunciati. La vittima, uno studente diciottenne residente a Rio Saliceto, in provincia di Reggio Emilia. A queste conclusioni sono giunti i carabinieri della stazione di Campagnola Emilia. Con l’accusa di concorso in lesioni aggravate hanno denunciato alla Procura tre fratelli di 25, 28 e 16 anni residenti nel reggiano. Lo studente caduto in trappola, a seguito della brutale aggressione, ha riportato un trauma facciale, la rottura delle ossa nasali e un ematoma perioculare. Una prima prognosi è di trenta giorni.

Le fasi della spedizione punitiva

Il ragazzo, vittima della spedizione punitiva, si trovava insieme ad alcuni suoi amici. Stava giocando a calcio. Gli è squillato il cellulare, la chiamata era del minorenne. Il contenuto della telefonata: «Devo parlarti perché ho saputo che hai parlato male di me». Poche parole, poi l’appuntamento. Il minore è arrivato spalleggiato dai due fratelli. Ha aggredito il diciottenne. Secondo quanto accertato dai carabinieri, durante l’aggressione i tre fratelli indossavano anelli con pietre incastonate. Dopo essere ricorso alle cure mediche in ospedale, dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di 30 giorni, il giovane si è presentato ai carabinieri di Campagnola Emilia formalizzando la denuncia. Le indagini dei carabinieri di Campagnola Emilia, oltre a consentire l’esatta ricostruzione dei fatti e il movente della spedizione punitiva, hanno portato all’identificazione dei tre fratelli che sono stati denunciati per il reato di concorso in lesioni personali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza