Sicurezza, giro di vite del Viminale: ecco la nuova ricetta di Matteo Salvini

domenica 2 settembre 17:29 - di Bianca Conte

Faro sulla sicurezza, seguendo le coordinate dettate dal Viminale: taser per gli agenti delle forze dell’ordine ma anche una stretta sulle occupazioni abusive. È lo stesso ministro dell’Interno ad annunciare via Facebook le nuove direttive deliberate e al via a breve. In particolare, fa sapere il leader del Carroccio, «dal 5 settembre in 12 città italiane, da Milano fino a Catania, inizierà la sperimentazione del taser, la pistola elettrica non letale che aiuterà migliaia di agenti a fare meglio il loro lavoro. Per troppo tempo le nostre Forze dell’Ordine sono state abbandonate, è nostro dovere garantire loro i migliori strumenti per poter difendere in modo adeguato il popolo italiano», aggiunge il vicepremier leghista, concludendo: «Orgoglioso del lavoro quotidiano delle forze di Polizia e Carabinieri!».

Sicurezza, le coordinate dettate dal Viminale: via al taser

Nel dettaglio, si apprende che il decreto per dare via alla sperimentazione alla pistola elettrica è stato firmato i primi dello scorso luglio. Sperimentazione che sarà affidata alla polizia di stato, all’arma dei carabinieri e alla guardia di finanza. «Il taser è un’arma di dissuasione non letale e il suo utilizzo è un importante deterrente, soprattutto, per gli operatori della sicurezza che pattugliano le strade e possono trovarsi in situazioni borderline – aveva commentato un mese fa Salvini – laddove una misura di deterrenza può risultare più efficace e soprattutto può ridurre i rischi per l’incolumità personale degli agenti. Credo che la pistola elettrica sia un valido supporto, come dimostra l’esperienza di molti paesi avanzati, tra cui gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia e la Svizzera». Come noto, infatti, il taser oltre agli Stati Uniti, è in dotazione alle forze di polizia di circa 107 paesi, tra cui Canada, Brasile, Australia, Nuova Zelanda, Kenya e in Europa in Finlandia, Francia, Germania, Repubblica Ceca, Grecia e Regno Unito.

Lotta a droga e pusher: il progetto #ScuoleSicure

Ma non è tutto. Territorio presidiato e messo in sicurezza, e dunque anche libero da occupazioni abusive: e così, con una circolare inviata ai prefetti, ai commissari per le province autonome di Trento e Bolzano e al presidente della Regione Valle D’aosta, è arrivato il giro di vite del Viminale contro le occupazioni abusive di immobili che devono essere sgomberati con la «dovuta tempestività», per evitare il consolidarsi di situazioni di illegalità che possano pregiudicare la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblici. Non solo: anche troppe case sono occupate da furbi e violenti. «La proprietà privata è sacra e sono troppi gli Italiani vittime di occupazioni da parte non di bisognosi», ha replicato Matteo Salvini alle critiche rivolte dal Partito democratico alla direttiva del Viminale sugli sgomberi di immobili occupati abusivamente, definita “folle”. Ma, argomentando la sua risposta con riferimenti concreti e dati di fatto, «se affitti il tuo appartamento alla persona sbagliata che non ti paga, e magari torni ad averne bisogno per i tuoi figli, non puoi metterci due anni a tornare in casa tua!», ha ribadito il ministro rispedendo al mittente i commenti tranchant degli avversari dem. Un diritto alla sicurezza analizzata dalla ricetta di Salvini a tutto tondo con iniziative, come detto, che vanno dalla tutela degli operatori dell’ordine alla protezione della proprietà privata, e fino alla lotta allo spaccio di droga. «Fra poco riaprono le scuole dei nostri figli – ha scritto su Twitter il ministro dell’Interno -sto lavorando perché per gli spacciatori di morte finisca la pacchia. Con #ScuoleSicure, diverse città italiane avranno a disposizione 2,5 milioni di euro per incrementare i controlli». Una progettualità, quella sulla sicurezza, che spezza la catena dell’inoperosità e dei rinvii eterni dei precedenti governi dem, e pensata e predisposta per divenire operativa a 360 gradi. Da subito.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gino Bonati 3 settembre 2018

    Questa ve la racconto. Anni 70 ero proprietario di un negozio di caravan (roulotte) con un marchio prestigioso la marca considerata la Ferrari delle caravan. Attività che mi portava e essere inserito tra i più contribuenti dal giornale il Gazzettino di Venezia.Bene un giorno si presenta una coppia e vista una caravan decide dì acquistarla. Andiamo a fare il contratto vogliono fare un prestito con la banca.nessun problema. Non sono sposati perché perderebbero diritti acquisiti, nessun problemi. Vediamo i redditi comincia Lei pensione di reversibilità del marito morto e un lavoro di pulizie condominiali Lui pensione di invalidità e un lavoro di magazziniere i figli di Lei uno operaio uno apprendista è il più piccolo a scuola i figli di Lui una commessa è una segretaria in uno studio di avvocati. Perfetto la vendita era fatta. Si continua con la compilazione del modulo della banca. Domanda : siete in regola con il pagamento dell’affitto. No non paghiamo l’affitto In quanto abbiamo occupato un appartamento nel quartiere CEP (centro di edilizia popolare). Mi sono sentito veramente tradito ho rotto il contratto è il modulo per la banca e gli ho invitati a uscire. Questi sono gli abusivi che io ho conosciuto.

    • gianni 3 settembre 2018

      solo per farle i miei complimenti…

  • Rodolfo Ballardini 3 settembre 2018

    I magistrati rossi disfarranno ci[ che Salvini farà.

  • gian luigi 3 settembre 2018

    la lotta alle sostanze stupefacenti non servirà a niente se non spendere soldi e a tenere occupati i corpi di polizia e la magistratura, ci sarà sempre qualcuno disposto a rischiare tutto per i guadagni enormi che si fanno.
    l’unica soluzione è la legalizazione di tutte le sostanze psicotrope e una campagna continua sul pericolo e la pericolosità che queste sostanze hanno.
    poi se qualcuno viene fermato alla guida di un mezzo e risulta positivo si procederà a sequestrargli la patente che non sarà più ritornata, il mezzo, sequestrato e messo in vendita. il ricavato allo stato.
    una sanzione pari o superiore alla dichiarazione dei redditi di un anno.
    Tutte le sostanze psicotrope vanno legalizate. io sono libero di decidere se provare o meno qualunque cosa.
    Daremmo un colpo mortale alle mafie.

  • alberto 3 settembre 2018

    E’ una novità molto positiva e confidiamo che la boldrini, fico e lerner non aprano bocca!

  • FABIO MASSIMO PURGATORIO 3 settembre 2018

    DAI MATTEO!!!!!

  • Agostino 3 settembre 2018

    Bravissimo Salvini, sei grande e se poi riesci a neutralizzare i giudici zecche rosse sarai grandissimo

  • Gran Turco 3 settembre 2018

    SPERIAMO CHE AGLI ANNUNCI SEGUANO, A BREVE, FATTI CONCRETI. GLI ITALIANI NON
    NE POSSONO PIU’ DI ESSERE AGGREDITI E DERUBATI QUTIDIANAMENTE DAI NORD AFRICANI, ROMENI, MOLDAVI, ALBANESI ED ALTRI IMMIGRATI CLANDESTIN, DEDITI
    QUOTIDIANAMENTE ED IMPUNEMENTE A DELINQUERE, FAVORITI DALLE LEGGI PERMISSIVE-BUONISTE ITALIANE.

  • Nicoletta 3 settembre 2018

    Grande Salvini! Ma tutto ciò non serve se poi i giudici rimettono in strada i delinquenti … spedirli a casa al primo reato, meglio che un indulto per svuotare le carceri.

  • Pino1° 3 settembre 2018

    Sapete perché abbiamo tanti delinquenti (rumeni) in italia? Perché in Romania la polizia gli sta col fiato sul collo appena mettono piede fuori casa e gli fanno certi massaggi che non ve li immaginate, anzi,si!
    Se andate in Romania le strade sono super tranquille e ben frequentate e se vi ferma un poliziotto fate conto che sia dio in persona ad avervi fermato !

  • Angela 3 settembre 2018

    Ottimo ministro Salvini, noi italiani fortunati ad averlo.

    • sergio la terza 3 settembre 2018

      I nostri fortunati ??????ad averlo e…la malavita c’è l’ha o sparano con armi non convenzionali?mi sembra una mossa sbagliata,io avrei autorizzato le forze dell’ordine a difendersi con le armi in dotazione.-

      • Angela 3 settembre 2018

        Mi riferivo al fatto che dopo anni di governi e ministri indegni,abbiamo avuto la possibilità di votare una persona,ora ministro,che cerca di fare il bene degli italiani…certo sarebbe stato meglio che le nostre forze dell’ordine usassero le armi convenzionali ma come tutti sanno se un militare spara a un delinquente gli fanno il processo e lo spediscono in galera…e con la giustizia che abbiamo in Italia,il delinquente che spara e uccide…la fa franca mentre a un militare non gli si perdona nulla,quindi…

    • laura ciotta 3 settembre 2018

      Fortunati è una parola grossa, diciamo che al momento ci sono buone premesse per far bene, non deve dimenticare di rivedere il ns rapporto con l’Europa e con l’EURO. Purtroppo noi siamo stati “Traditi, Sottomessi e in ultimo Invasi” per dirla con A. Socci

      • Angela 3 settembre 2018

        Dopo anni di ministri indegni,penso che sia una fortuna ad avere un ministro che vuole il bene degli Italiani…sperando che riesca a poter portare a termine ciò che ha promesso

  • Roberto 3 settembre 2018

    Sicurezza a 360 gradi spero ci siano anche le guardie giurate come promesso dal ministro Salvini

  • Angelo 3 settembre 2018

    Avanti così !

  • PIERO 3 settembre 2018

    SPERIAMO CHE DURI FINO IN FONDO; NON SE NE PUO’ PIU’!
    Assediati nel nostro paese da una marea di nord africani, romeni, albanesi e quant’altro dediti solamente a delinquere………LA VOGLIAMO FARE FINITA O NO?

  • Aldo Barbaro 3 settembre 2018

    Finalmente.Avanti così Salvini!

  • Alfonso 3 settembre 2018

    Quello che fa Salvini è ottimo, ma se poi la magistratura non condanna mai nessuno è tutto vano. Come quello spacciatore rimesso subito in libertà perché non aveva altro lavoro. C’è chi fa a chi disfá, così non si conclude mai niente

  • Lily 3 settembre 2018

    Caro Salvini, prima di far arrestare gli spacciatori , devi poter far condannare i magistrati che liberano i venditori di morte, altrimenti è un cane che si morde la coda, le forze dell’ordine arrestano e il giudice zecca libera, vedi che vidi non si risolve nulla.

  • In evidenza

    contatore di accessi