Sezze, rincasa e trova un nigeriano che fotografa la figlia minorenne

venerdì 7 settembre 14:41 - di Paolo Sturaro

Paura per una mamma di Sezze, in provincia di Latina: ieri sera la donna rientrando in casa ha trovato un uomo, un 30enne nigeriano, intento a fotografare con un cellulare la figlia minorenne. La donna ha subito avvertito i carabinieri che sono riusciti a bloccare l’uomo e a sequestrare il telefono. Il trentenne, richiedente asilo politico e domiciliato a Roccagorga presso una cooperativa di accoglienza, è stato denunciato in stato di libertà per violazione di domicilio e interferenza illecita nella vita privata.

Sempre a Sezze due donne sono state vittime di aggressioni: denunciati i loro compagni per lesioni e maltrattamenti. Nel primo caso è stato deferito un trentaquattrenne, che poco prima aveva preso a calci e schiaffi la sua donna, ventottenne, provocandole ferite guaribili in cinque giorni. La vittima, dopo aver denunciato il compagno, ha dichiarato di volerlo lasciare e di lasciare subito l’abitazione. Nel secondo caso a finire nei guai è stato un trentaduenne, che ha lanciato piatti e bottiglie contro la compagna di 25 anni poi presa a schiaffi. L’uomo se l’è presa anche con la sorella minorenne della donna che ha tentato di dividere i due. Lui l’ha sbattuta fuori casa. Le due sorelle sono state soccorse dal personale del 118. Lui incensurato è stato deferito.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura Prosperini 7 settembre 2018

    ma ci rendiamo conto!!!!
    Salvini non è ancora suff. la sua azione
    rimpatrii d’ufficio per chiunque delinqua

  • In evidenza

    contatore di accessi