Salvini “chiama” Berlusconi e rilancia “quota 100″ (a 62 anni) per le pensioni

martedì 11 settembre 19:52 - di

Nella prima puntata della nuova stagione di Porta a Porta, Bruno Vespa  ha come ospite in studio Matteo Salvini. Si parla di Rai, e il leader della Lega rivela: «Conto di vedere Silvio Berlusconi nelle prossime ore, perché c’è una grande azienda che ha voglia di correre e di crescere». Il ministro dell’Interno interpellato sulla possibilità di raggiungere un’intesa per la presidenza di Viale Mazzini, dove il grande favorito resta sempre Marcello Foa, si mostra ottimista: «C’è la possibilità di trovare l’accordo non solo sulla Rai. Se c’è accordo si va fino in fondo». E poi ricorda che «si vota a fine ottobre a Trento, Bolzano e poi in Sardegna».

Poi tornando a parlare dell’allarme lanciato dalle Nazioni Unite per l’emergenza razzismo in Italia dice: «Vanno certificati i soldi che gli italiani danno all’Onu, 700 milioni che diamo a questi signori che poi mandano gli ispettori. Se capita un’altra Diciotti mi comporto nella stessa maniera, faccio in modo che non arrivi. Ora gli sbarchi dalla Libia sono zero. Entro il mese vado in Tunisia, da dove sono arrivati 4mila quest’anno. Lì non c’è la guerra, la carestia».

Matteo Salvini poi annuncia: «Il pacchetto immigrazione-sicurezza lo porteremo in Consiglio dei ministri entro fine mese. Sarà un decreto legge, che poi discuterà il Parlamento, anzi due: uno sui migranti e uno sulla sicurezza, che poi discuterà il Parlamento». Durante la registrazione della puntata si sofferma a parlare anche della pace fiscale spiegando che «è per quelli che hanno fatto la dichiarazione dei redditi, per chi è in contenzioso con Equitalia». «Non è un regalo – assicura Salvini – è gente che è disperata che pagherebbe il 10% del dovuto. Gente che per riavere un conto corrente, correrebbe a pagare. Si possono così incassare più di 20 miliardi di euro». Quota 100 con 64 anni? «No, è assolutamente troppo alto, io ho chiesto al massimo 62».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • alfonsa 12 settembre 2018

    Ministro aspettiamo quota 41,come hai promesso,la quota 100 interessa in minima parte

  • Laura Prosperini 12 settembre 2018

    benissimo davvero il ragionamento, andare 8giustamente9 in pensione prima anche per creare nuovi posti di lavoro per i giovani
    ma perchè poi mettere il paletto dei 41,5 anni di contributi???
    in questo modo si riduce tantissimo l’impatto!
    sono pochi quelli che hanno trovato lavoro a 20anni e lo hanno sempre mantenuto!!!!
    si a quota 100 ma libera
    questo si che aprirebbe un volano al PIL ed ai nuovi assunti!!!
    100 senza paletti

  • sergi 12 settembre 2018

    Come dice SALVINI massimo a 62 anni si va in pensione.così è giusto..OK?

  • In evidenza

    contatore di accessi