Rapina feroce in villa, preso a Lanciano il quinto romeno della banda

domenica 30 settembre 9:02 - di Monica Pucci

E’ stato fermato nel corso della notte il quinto uomo della banda che domenica scorsa all’alba ha compiuto una rapina e ferito i coniugi Martelli in una villa a Lanciano (Ch). L’uomo, un romeno di 26 anni, si nascondeva nelle campagne pattugliate ieri pomeriggio nel corso dell’operazione congiunta di Polizia e Carabinieri nella frazioni di Rizzacorno, Colle Campitelli e Sant’Onofrio, vicino Lanciano. Una volta bloccato è stato condotto nella caserma dei Carabinieri della compagnia di Lanciano e sottoposto a fermo di polizia giudiziaria. Si tratta di un romeno di 26 anni. L’uomo condotto nella Caserma dei Carabinieri della città frentana si trova ora sottoposto a fermo di polizia giudiziaria. Ieri nel carcere di Lanciano si è svolto l’interrogatorio degli altri tre romeni in stato di fermo. All’uscita del carcere il loro avvocato, Domenico Russo, ha rivelato che i tre hanno ammesso le responsabilità della rapina alla villa dei coniugi Martelli specificando i ruoli e le responsabilità di ognuno e hanno indicato in altra persona il responsabile del taglio dell’orecchio della signora Niva Bazzan. Della banda faceva parte anche un quarto uomo, un 26enne che è stato arrestato due giorni fa a Caserta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • sergio 1 ottobre 2018

    Una decina di anni fa Maria,una signora rumena che assisteva mia madre come “badante”, già allora mi disse :…” i nostri delinquenti (i rumeni),complici le vostre leggi permissive, stanno venendo tutti in Italia…..”
    Che dire di più !!!

  • Silvia 1 ottobre 2018

    Rimandiamoli a casa loro con un orecchio tagliato!!!!

  • Jolanda C. 30 settembre 2018

    Sarà perdonato anche lui.

    • Daniele 1 ottobre 2018

      Oltre all’orecchio tagliargli anche qualche giuoiello di famiglia, così gli passa la voglia di tornare a delinquere appena scontata la pena.

  • Massimilianodi SaintJust 30 settembre 2018

    Condannarli per direttissima ad almeno 20 anni e spedirli in Romania a scontare la pena, io non voglio mantenere questi farabutti!

  • maurizio giannotti 30 settembre 2018

    Il governo deve reintrodurre il visto d’ingresso obbligatorio per chi arriva dalla Romania. Metà dei farabutti che ci arrivano da là ci sarebbero risparmiati!!!

  • In evidenza

    contatore di accessi