Rapina di Lanciano, il quarto uomo era ricercato per scontare una condanna

venerdì 28 settembre 10:24 - di Mia Fenice

Emergono nuovi dettagli sul quarto uomo della banda che domenica ha rapinato i coniugi Martelli nella loro villa a Lanciano (Chieti). Alexandru Bogdan Colteanu, 26enne romeno come il resto della gang, è l’unico non incensurato e non è imparentato con gli altri tre. Era già ricercato in passato per scontare la condanna di un reato commesso quando era minorenne. Il giovane aveva tentato la fuga fin dalle prime ore dopo la rapina ed era stato localizzato dagli investigatori nel Napoletano.  Il quarto uomo della banda si è tradito quando ha tentato di vendere uno degli orologi che aveva rubato nella villa dei coniugi Martelli. L’uomo, secondo quanto si apprende, avrebbe infatti tentato di entrare in contatto con alcuni circuiti di ricettatori, nella speranza di piazzare l’orologio e ottenere del denaro per proseguire la fuga. Una mossa che ha però permesso agli investigatori di rintracciarlo nella zona di Caserta, dove poi è stato arrestato.

A rendere possibile la sua individuazione è stata anche la tecnologia. Una delle telecamere di sicurezza di Lanciano ha infatti ripreso parte del viso e mento dell’uomo: quelle immagini sono state inserite nel Sari (Sistema automatico riconoscimento immagini) che ha fornito un riscontro e confermato l’identità del romeno. Il sistema, inoltre, ha permesso di ricollegare la sua vera identità – riportata sul cartellino foto segnaletico presente in banca dati – ad un documento falso con cui il bandito andava in giro.

I primi tre arrestati, Constantin Aurel Turlica, 22 anni, il fratello Ion Cosmi, 20 anni, e il cugino Aurel Rusel, 25, da un anno vivono a Lanciano, con un lavoro stabile come muratori o giardinieri, e parlano perfetto italiano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi