Rampelli: “I dati Istat confermano che l’Italia ha bisogno della flat tax”

mercoledì 12 settembre 19:02 - di Carlo Marini

«La fotografia scattata dall’Istat evidenzia un vertiginoso arretramento della produzione industriale italiana. Numeri da far tremare i polsi con un crollo dell’1,8% rispetto a giugno e dell’1,3% rispetto a luglio 2017. Il governo faccia presto, cominci a carburare e rimetta in moto il volano della nostra produzione a cominciare da ciò che non costa nulla e vale un patrimonio di miliardi di euro: la sburocratizzazione e la semplificazione delle procedure amministrative». È quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fratelli d’Italia.

“La foto Istat è chiara, il governo faccia presto”

«Si torni poi -aggiunge- a restituire ossigeno alle imprese, introducendo la tassa piatta con aliquota al 15% sui redditi incrementali, altro provvedimento a costo zero, e poi a calare un grande piano di modernizzazione del Sud, con zero tasse sulle nuove assunzioni». «Così – prosegue – si può aumentare l’occupazione, incoraggiare i consumi per i cittadini e gli investimenti per le imprese, rendendole più competitive e scongiurando le delocalizzazioni. Gli strumenti e le misure per rimettere in moto l’economia e invertire la rotta ci sono e, spesso, non comportano costi aggiuntivi ma solo capacità organizzativa e presenza dello Stato nel suo ruolo».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giulio 13 settembre 2018

    Rampelli, perché vuoi dimezzare le tasse a dirigenti pubblici e privati, manager, banchieri e funzionari bancari, primari e magistrati, cantanti e attori famosi, calciatori ed archistar? Che nemmeno ti votano!

  • In evidenza

    contatore di accessi