Rai, Di Maio si mette di traverso: «Se cade Foa ce ne faremo una ragione»

lunedì 17 settembre 19:04 - di Tito Flavi

Sulle nomine Rai, i grillini si mettono di traverso, sentendosi probabilmente esclusi dall’intesa che si sta profilando tra Salvini e Berlusconi.  Tant’è che, dall’entourage del vicepremier Luigi Di Maio, è arrivato l’ultimatum: “Il tempo scade questa settimana, non si accettano altre perdite di tempo. Se non si può mettere Foa, ce ne faremo una ragione”. I vertici pentastellati sarebbero dunque pronti anche alla nomina di un altro profiloo. I 5 stelle sembrano in sostanza, infastiditi, alle indiscrezioni sul vertice ad Arcore tra Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti: nei piani alti, dicono alcune fonti grilline , “forte è l’irritazione per il fatto che si parli di garanzie a Berlusconi”. Il riferimento è alla possibilità che la Lega si faccia garante degli interessi del Cavaliere, nell’ambito dei tetti pubblicitari annunciati nel piano Crimi per l’editoria, che andrebbero a minare una buona fetta dei ricavi del Biscione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pino1° 18 settembre 2018

    Qualunque cosa cada, se ne fa una ragione. Muore un papa? Se ne fa un’altro !
    Vero Giggino o Silvino, indifferente ! Tutti utili, nessuno, indispensabile, tranne il
    presidente per i rossi, per quelli si che è indispensabile !

  • Pino1° 17 settembre 2018

    Salvini troppo presto, Berlusconi ti porterà alla rovina, non lo considerare più ! Lascialo affondare è una zavorra senza senso !

  • In evidenza

    contatore di accessi