Post sulle “donne brutte”, rivolta social contro Burioni: «Sessista»

martedì 18 settembre 9:44 - di Mia Fenice

Scivolone social di Roberto Burioni sulle “donne brutte”. A gettare il medico paladino delle vaccinazioni nella bufera, un tweet in risposta a un articolo di Vanity Fair, dove il biologo ha provato a spiegare il suo personalissimo concetto di donna “sgradevole” con parole forse non esattamente ortodosse. Il risultato? Decine e decine di commenti fra l’ironico e l’indignato, che hanno portato lo scienziato prima a cancellare le frasi finite sotto accusa e poi, in un tweet successivo, a ricondividerle insieme a qualche spiegazione dal tono decisamente piccato.

Burioni e il post sulle “donne brutte”

Ma cosa ha scritto Burioni per attirare l’ira delle utenti? Rispondendo a un tweet di Ester Viola sulla lettera di una lettrice che si lamentava di non riuscire a trovare un compagno perché meno bella delle amiche, il medico ha affermato: «Quando in giro vedo una donna brutta la guardo sempre con attenzione. Nel 99,9% dei casi mi rendo conto che se si curasse, se dimagrisse e via dicendo non diventerebbe bella, ma certo di aspetto non sgradevole. Una volta che si è non sgradevoli la partita è aperta. Fidatevi». Apriti cielo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • eleonora ferrari 19 settembre 2018

    l medico ha detto la verità . mia nonna della fin e 8oo diceva , la bellezza passa ma la bruttezza resta . e ricordatevi bambine basta un trucco , una pettinatura ordinata e tanta inteligenza e non ci si accorge quanto si è brutte . oggi se non ci si rifà la faccia e non si motrano le mutande , si pensa di esere belle . poverette quelle donne che si perdono nel nulla . scusate ma la penso così

  • alberto 19 settembre 2018

    Quando una è brutta, non ci sono santi che aiutino: rimane brutta! Però ci sono altri aspetti in una donna che la possono rendere piacevole: per esempio simpatia, comunicativa, educazione, riservatezza, serietà e così via! Ecco che non basta guardare l’aspetto per godersela!

  • Fabrizio 19 settembre 2018

    Ma, se il politicamente (sessualmente) corretto impedisce sia a uomini che donne di esprimere liberamente una valutazione personale sul concetto di “gradevolezza” di persone dell’altro sesso, forse il presidente dell’ordine degli psichiatri non occorerebbe solo al PD!

  • Luisa 19 settembre 2018

    Ha detto semplicemente la verità.

  • In evidenza

    contatore di accessi