Ponte Morandi, la Procura lo dissequestra per mettere i sensori d’allarme

domenica 9 settembre 20:25 - di Paolo Lami

Arriva anche il via libera della Procura di Genova per mettere in sicurezza il Ponte Morandi con il posizionamento, su quel che resta, i due tronconi, dei sensori di allarme e movimento.

“Il nulla osta, contenuto in un documento inviato alla struttura del Commissario, da parte della Procura, era un passaggio indispensabile per far partire i lavori, visto che l’area era posta a sequestro”, spiega la struttura commissariale che si occupa dell’emergenza a Genova.

I sensori posizionati sulle parti rimaste in piedi del Ponte Morandi serviranno a verificare le condizioni attuali di stabilità dei due monconi che sovrastano la zona rossa e a capire se esista la possibilità di far accedere ancora una volta i residenti sfollati alle loro case per il recupero degli effetti personali.

La Commissione tecnica regionale ha già inoltre individuato la ditta che, per competenze e miglior offerta sul mercato, potrà eseguire il lavoro di monitoraggio sul Ponte Morandi per verificare se vi siano movimenti anomali nella struttura in attesa di demolirla a colpi di esplosivo e con le pinze meccaniche per poi ricostruire il nuovo viadotto in acciaio. “Noi siamo pronti a partire – ha detto il presidente della Regione Liguria e Commissario per l’emergenza, Giovanni Toti -. E che tutto fosse già pronto è dimostrato dal fatto che la Commissione tecnica aveva già  fissato, per lunedì, un incontro operativo con tutti i soggetti che dovranno partecipare alle operazioni per definire immediatamente tutte le fasi operative in dettaglio. Quindi non c’è stato nessuno ritardo. Stiamo solo seguendo le procedure previste dalla legge”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi